rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Il caso / Stati Uniti d'America

Whoopi Goldberg shock: “L'Olocausto non è stato una questione di razza”

L'Abc ha sospeso l'attrice per le sue dichiarazioni: “Si prenda del tempo per riflettere sull'effetto dei suoi commenti”

“Non si tratta di razza, si tratta della disumanità dell'uomo nei confronti dell'uomo. Questi sono i bianchi che lo fanno ai bianchi, quindi combattete tutti tra di voi". È stato a causa di queste dichiarazioni sull’Olocausto, ritenute gravi e offensive, che Whoopi Goldberg è stata sospesa per due settimane dalla Abc News. La celebre attrice dal 2007 è in tv nella veste di co-conduttrice di "The View", un programma televisivo statunitense in onda sulla Abc. Una delle particolarità del talk show sta nel format: è stato concepito per essere condotto da un gruppo di sole donne di diversa età, ideologia politica ed estrazione sociale. Adesso l’emittente, alla luce delle dichiarazioni rilasciate nel corso di un’intervista e delle aspre polemiche che si sono sollevate, ha deciso di sospendere la co-conduttrice per due settimane.

È accaduto lunedì nel corso della puntata della trasmissione. Si discuteva della decisione del provveditorato agli Studi del Tennessee che ha messo a bando nelle scuole il romanzo per immagini sull’Olocausto ‘Maus’ con il quale Art Spiegelman ha vinto un premio Pulitzer. La Goldberg ha parlato dell’Olocausto sostenendo che quanto accaduto non fosse un problema di razza. Le sue dichiarazioni hanno suscitato reazioni negative e feroci, su tutte anche quella di Jonathan Greenblatt, a capo della Lega Anti-Diffamazione, e del Museo dell'Olocausto in America.  A queste è seguito il tweet del presidente della Abc News.

Kim Godwin, che ha spiegato il senso del provvedimento disciplinare preso nei confronti della popolare attrice. “Con effetto immediato, sospendo Whoopi Goldberg per due settimane per i suoi commenti sbagliati e offensivi. Mentre Whoopi si è scusata, le ho chiesto di prendersi del tempo per riflettere e imparare in merito all'impatto dei suoi commenti. L'intera organizzazione di Abc News è solidale con i nostri colleghi, amici e comunità ebraiche". Questo il testo riportato anche in una nota e diffuso da Fox News. E in effetti già in giornata, dopo aver incassato commenti negativi di gruppi ebraici secondo i quali le la sua ricostruzione sminuiva l’Olocausto e quindi era da ritenere pericolosa, la Goldberg si è scusata. Lo ha fatto in serata, ospite del ‘Late Show’, il programma condotto da Stephen Colbert.

L’attrice e conduttrice ha fatto una mezza marcia indietro e poi si è scusata anche su twitter: "Nello show di oggi ho detto che l'Olocausto 'non riguarda la razza, ma la disumanità dell'uomo nei confronti dell'uomo'. Avrei dovuto dire che riguarda entrambi. Come ha condiviso Jonathan Greenblatt della Lega Anti Diffamazione, ‘l'Olocausto riguardava l'annientamento sistematico del popolo ebraico da parte dei nazisti, che consideravano una razza inferiore’. Mi correggo. Il popolo ebraico in tutto il mondo ha sempre avuto il mio sostegno e questo non rinuncerà mai. Mi dispiace per il male che ho causato. Scritto con le mie più sincere scuse, Whoopi Goldberg”. Questo il messaggio che ha affidato ai social la star americana, scuse che però non hanno provocato la marcia indietro della Abc News che l’ha sospesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Whoopi Goldberg shock: “L'Olocausto non è stato una questione di razza”

Today è in caricamento