rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
DAL MONDO

Pakistan e Afghanistan: strage di donne e bambini raccolti in preghiera

Quattordici morti in Afghanistan, trentotto in Pakistan. Quando la morte non si ferma neanche davanti alla morte

Ci sono luoghi nel mondo, dove la morte può coglierti anche mentre dai l'estremo addio ai tuoi cari. E' notizia di oggi le stragi avvenute in un cimitero e durante un corteo funebre in Afghanistan e Pakistan.

In Afghanistan un'esplosione ha fatto strage di donne e bambini che erano raccolti in preghiera in un cimitero della provincia orientale di Nangarhar. Le vittime sono sette donne e altrettanti bambini, tutti membri della famiglia di un comandante di una milizia filogovernativa. L'attentato, secondo un membro anziano della famiglia, sarebbe opera dei talebani.

In Pakistan invece 38 persone sono rimaste uccise nell'attacco kamikaze a una moschea di Quetta, dove si stava svolgendo il funerale di un ufficiale di polizia, deceduto poche ore prima in un altro attentato. Tra le persone decedute è stata confermata la presenza di Fayyaz Sumbal, alto funzionario delle forze di sicurezza locali.  Al momento dell'esplosione nella moschea si trovavano fra le 300 e le 400 persone.

MALALA ALL'ONU: "I TALEBANI NON SONO RIUSCITI A FERMARCI"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pakistan e Afghanistan: strage di donne e bambini raccolti in preghiera

Today è in caricamento