rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022

"Palmira è libera dall'Isis", l'annuncio dell'esercito siriano sostenuto dai russi

I terroristi dello Stato Islamico sarebbero in rotta e avrebbero rocambolescamente lasciato la zona. Solo poche settimane fa le terribili immagini della distruzioni dei monumenti della città siriana che fu una delle più ricche città dell'impero romano

Le forze armate siriane, sostenute dai russi, hanno riconquistato la cittadella storica di Palmira, strappandola all'Isis. Lo riferiscono il canale televisivo iraniano Press Tv e il sito Sputnik.

"L'esercito - ha spiegato una fonte militare - ha ripreso il controllo sulla cittadella di Palmira e sulle aree a sud-est della città. Adesso ci prepariamo a entrare in città".  La città di Palmira è ora a portata di tiro delle forze governative siriane che hanno il completo controllo della storica cittadella già patrimonio dell'Unesco.

L'Isis fa scempio dell'arte di Palmira: "Demolito il teatro romano e il Tetrapilo"

I terroristi dello Stato Islamico sarebbero in rotta e avrebbero rocambolescamente lasciato la zona. Solo poche settimane fa le terribili immagini della distruzioni dei monumenti della città siriana che fu una delle più ricche città dell'impero romano e nell'antichità era nota come la "sposa del deserto".

Lo Stato Islamico aveva conquistato Palmira nel maggio del 2015 e distrutto un certo numero di siti storici designato come patrimonio mondiale dell'UNESCO, tra cui l'Arco di Trionfo, il Tempio di Baalshamin e il Tempio di Bel. Gli jihadisti hanno anche saccheggiato il museo nazionale e la necropoli.

Meno di un anno dopo l'esercito siriano sostenuto dalle forze di Mosca era riuscita a liberare la città e gli specialisti russi avevano sminato il centro storico così come le zone residenziali della città. Ma lo scorso dicembre 2016, la città era stata riconquistata dai jihadisti.

Fonte: Sputnik News →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Palmira è libera dall'Isis", l'annuncio dell'esercito siriano sostenuto dai russi

Today è in caricamento