Martedì, 26 Gennaio 2021

Pedofilia: le vittime in Australia citano in giudizio anche il Papa

Si tratta del primo caso noto nel paese in cui chi ha subito abusi sessuali da parte dei preti chiama in causa Francesco come personalmente responsabile per l'incapacità della chiesa di intraprendere azioni decisive contro i predatori sessuali

Papa Francesco è stato citato in giudizio in una richiesta di risarcimento danni alla Corte Suprema vittoriana dell'Australia da tre aborigeni che sono stati aggrediti sessualmente da giovani dal prete pedofilo Michael Glennon i quali sostengono che il Vaticano fosse a conoscenza dei suoi crimini contro i bambini, ma non lo ha fermato. Si tratta del primo caso noto in Australia in cui le vittime di abusi sessuali da parte di preti chiamano in causa il Papa come personalmente responsabile per l'incapacità della chiesa di intraprendere azioni decisive contro i predatori sessuali.

Pedofilia: le vittime in Australia citano in giudizio anche il Papa

Il Sydney Morning Herald racconta che i tre querelanti, di cui per motivi legali non possono essere fatti i nomi, affermano di aver subito impatti significativi nella loro vita dagli abusi subiti nell'infanzia. Chiedono quindi un risarcimento danni nei confronti di Papa Francesco, dell'Arcidiocesi di Melbourne e dell'arcivescovo Peter Comensoli per l'inazione dei loro predecessori. Uno dei preti pedofili condannati per abusi in Australia è Michael Glennon. Si tratterebbe, in caso di condanna, della prima volta in cui si punisce l'istituto per la sua incapacità di proteggere i bambini. 

Il reclamo presentato questa settimana metterà alla prova l'impegno pubblico di Papa Francesco nel trattare tutti i casi di abuso clericale con la "massima serietà" e la portata pratica del diritto civile vittoriano in Vaticano. Angela Sdrinis, l'avvocata che si occupa della causa, ha riferito di essere in attesa della ricezione della notifica da parte del rappresentante della Santa Sede in Australia, il nunzio papale Adolfo Tito Yllana. "Si tratta di convincere il Papa e il Vaticano ad accettare la responsabilità", ha detto al Sydney Morning Herald. "Quale possibile scusa possono avanzare per non aver riportato Glennon allo stato laico?" chiede il legale che aggiunge che l'arcidiocesi di Melbourne aveva ritirato le facoltà di sacerdote dopo la condanna nel 1978, ma solo il Vaticano avrebbe avuto il potere di laicizzarlo.

Covid: la ricetta unica per la cura a casa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedofilia: le vittime in Australia citano in giudizio anche il Papa

Today è in caricamento