Giovedì, 5 Agosto 2021
Mondo Myanmar

Papa Francesco: "Gesù Cristo oggi si chiama Rohingya"

Il Pontefice si schiera in difesa della minoranza musulmana perseguitata in Myanmar che ha incontrato in Bangladesh: "Abbiamo l'obbligo di denunciare e di rendere pubbliche le tragedie umane che si cerca di silenziare"

Papa Francesco incontra una rifugiata Rohingya nel corso del suo viaggio in Asia di qualche settimana fa (Ansa - Ferrari)

Quello in Myanmar è stato "un viaggio molto difficile, sì. Forse ha rischiato pure di essere cancellato, a un certo punto. Ma proprio perché difficile, dovevo farlo! Il Popolo di Dio è popolo povero, umile, che ha sete di Dio. Noi pastori dobbiamo imparare dal popolo. Perciò, se questo viaggio appariva difficile, sono venuto perché noi dobbiamo stare nei crocevia della storia". Lo ha detto Papa Francesco nel corso dell'incontro con i gesuiti di Myanmar e Bangladesh nel corso del recente viaggio nei due paesi asiatici. 

Il colloquio, riferito dal gesuita Antonio Spadaro sul prossimo numero della Civiltà cattolica, è anticipato oggi dal Corriere della Sera.

"Gesù Cristo oggi si chiama Rohingya", afferma il Papa a proposito della minoranza musulmana perseguitata in Myanmar che ha incontrato in Bangladesh.

Il dramma dimenticato dei Rohingya: "6.700 morti in un solo mese, è pulizia etnica"

"Ho visitato finora quattro campi di rifugiati. Tre enormi: Lampedusa, Lesbo e Bologna. E là il lavoro è di vicinanza. A volte sono veri campi di concentramento, carceri" dice il Santo Padre.

"Io cerco di visitare, parlo chiaro, soprattutto con i Paesi che chiudono le loro frontiere. Purtroppo in Europa ci sono Paesi che hanno scelto di chiudere le frontiere. La cosa più dolorosa è che per prendere questa decisione hanno dovuto chiudere il cuore. E il nostro lavoro missionario deve raggiungere anche quei cuori che sono chiusi all'accoglienza degli altri. Queste cose non arrivano ai salotti delle nostre grandi città. Abbiamo l'obbligo di denunciare e di rendere pubbliche le tragedie umane che si cerca di silenziare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: "Gesù Cristo oggi si chiama Rohingya"

Today è in caricamento