rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Emirati Arabi / Emirati Arabi Uniti

Violentò una bambina di 7 anni: condannato a morte

E' successo ad Abu Dhabi. Il pedofilo, un immigrato indiano di 57 anni, lavorava nella mensa della scuola di Sarah

EMIRATI ARABI - Pena di morte per aver violentato una bambina. E' successo ad Abu Dhabi ed il pedofilo è un immigrato indiano di 57 anni, accusato di aver abusato della piccola Sarah, di appena 7 anni, all'interno della scuola frequentata tutti i giorni.

La violenza si sarebbe consumata nella mensa scolastica, dove l'uomo ricopriva la mansione di impiegato.

A riferire il dramma pubblicamente è l'avvocato della famiglia della vittima, Me Hussein al-Jaziri. L'uomo è stato riconosciuto colpevole anche di ''minacce di morte'' nei confronti della bimba, alla quale avrebbe intimato di tacere lo stupro cercando di spaventarla.

La sentenza di condanna dovrà essere confermata in appello e poi in Cassazione prima di essere applicata ma almeno ''ridà speranza alla vittima e alla sua famiglia che giustizia possa essere fatta'' ha aggiunto l'avvocato, che conclude esortando tutte le vittime e le loro famiglie a denunciare gli abusi sessuali, perchè la giustizia può punire i criminali solo dopo le denunce.

Può comunque considerasi una rarità la condanna alla pena di morte: negli Emirati infatti viene applicata raramente anche perchè spesso la famiglia della vittima concede il perdono all’omicida in cambio di un risarcimento in denaro.

Nello stato Medio-Orientale sono considerati reati capitali: omicidio, stupro, tradimento, rapina aggravata, apostasia, adulterio, spaccio e, dal 1995 anche il traffico di droga.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violentò una bambina di 7 anni: condannato a morte

Today è in caricamento