rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Germania / Germania

La missione impossibile di Peer Steinbrück: battere la Merkel

Con un consenso quasi plebiscitario, il 93,45% dei voti, Peer Steinbrueck è stato incoronato ieri candidato socialdemocratico alla Cancelleria dal congresso Spd. Ma i sondaggi non sono favorevoli

Peer Steinbrück, l’ex Ministro delle Finanze ai tempi della Grande Coalizione, sarà il candidato del Partito socialdemocratico alle elezioni in Germania dell'anno prossimo: ha raccolto il 93% dei sostegni all’interno del partito. Toccherà a lui sfidare Angela Merkel, strafavorita secondo tutti i sondaggi e anche lei appena riconfermata trionfalmente (98% dei voti) alla guida dei cristiano democratici. Steinbruck ha ricevuto 'investitura ufficiale ieri, davanti ai 600 delegati riuniti ad Hannover.

Sono in tanti a Berlino a considerare Steinbrück un candidato troppo debole e troppo poco "di sinistra". Il discorso "di sinistra" però Steinbrück l'ha fatto ieri, al momento giusto,  convincendo gran parte dei delegati del suo partito: "C‘è un desiderio nella nostra società, un desiderio che sotto l’impressione degli eccessi della finanza e la svalutazione del lavoro dell’individuo, chiede maggior giustizia ed equilibrio e il rifiuto del cieco egoismo. La Germania ha bisogno più ‘noi’ e di meno ‘io’” ha detto. "Libertà, giustizia sociale, solidarietà: questi sono i valori che guideranno la nostra politica".

Una delegata della SPD spiega: "Sono davvero sorpresa dal suo discorso, un discorso molto a sinistra" dice. "L’antifascismo, l’eguaglianza uomini-donne. Ora però dovrà farli entrare nel programma questi temi". I temi su cui i socialdemocratici imposteranno la campagna elettorale sono giustizia sociale, salario minimo e pari opportunità. Basterà a scalfire la solidità della Merkel?

Steinbrück è originario di Amburgo e ha 65 anni; era ministro, nel precedente governo di Angela Merkel, quando la Germania si trovò costretta a rispondere alla crisi bancaria. Ha sconfitto la concorrenza interna di Frank-Walter Steinmeier, ex vice cancelliere che si giocò malamente le sue carte da candidato nel 2009, perdendo in modo netto.

La SPD è sotto il 30 per cento secondo tutti i sondaggi, mentre i conservatori veleggiano tra il 35 e il 40 per cento. Steinbrück punta a un'alleanza con i Verdi e a fare leva sulla rabbia diffusa degli elettori verso le banche per conquistare voti. Un'inchiesta pubblicata ieri sulla Bild am Sonntag rivela però che solo il 41% dei tedeschi lo giudica in grado di guidare il futuro esecutivo, mentre sono il 52% a non dargli fiducia. Le elezioni legislative si svolgeranno il 22 settembre 2013.


MCALLISTER, IL DOPO MERKEL HA L'ACCENTO INGLESE

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La missione impossibile di Peer Steinbrück: battere la Merkel

Today è in caricamento