Sabato, 20 Luglio 2024
Shock a Gerusalemme / Israele

Cariche sui fedeli nella moschea di Al-Aqsa, si teme nuova guerra con Gaza

Le forze di sicurezza di Tel Aviv hanno fatto irruzione in quello che è il terzo luogo più sacro dell'islam durante il Ramadan: 350 persone sono state arrestate

È di nuovo tensione altissima in Medio Oriente. Prima dell'alba la polizia israeliana è entrata nella moschea Al-Aqsa a Gerusalemme e si è scontrata con i fedeli, scatenando una furiosa reazione dei palestinesi in tutta la Cisgiordania occupata e attacchi transfrontalieri a Gaza, nonché le reazioni indignate dell'intero mondo arabo. A rendere più incendiaria la situazione il fatto che la retata nella moschea, il terzo luogo più sacro dell'islam, sia avvenuta durante il mese del Ramadan e alla vigilia della Pasqua ebraica.

In risposta all'operazione dei polizia almeno nove razzi sono stati lanciati da Gaza durante la notte, provocando attacchi aerei da parte di Israele, che ha colpito quelli che, a suo dire, erano siti di produzione di armi di Hamas, provocando esplosioni che hanno fatto tremare la terra in tutta la striscia costiera oggetto di un duro blocco da parte di Tel Aviv. Testimoni hanno detto che i carri armati israeliani hanno anche bombardato le posizioni di Hamas lungo la recinzione di confine nella parte meridionale della Striscia. Alla moschea di Al Aqsa le forze dell'ordine israeliane hanno arrestato e portato via più di 350 persone che si erano barricate all'interno del luogo sacro. "La polizia ha fatto un buon lavoro", ha dichiarato il ministro della Sicurezza nazionale, Itamar Ben-Gvir, leader del partito di estrema destra sionista Otzma Yehudit, Potere ebraico.

In Israele il governo più estremista di sempre, ruoli chiave ai fondamentalisti religiosi

Come riporta la Reuters al sorgere del giorno, la situazione sembrava essersi calmata, ma la Mezzaluna Rossa palestinese ha dichiarato che 12 palestinesi hanno riportato ferite, anche a causa di proiettili di gomma e percosse, durante gli scontri con la polizia e ha aggiunto che le forze israeliane stavano impedendo ai suoi medici di raggiungere l'area. "Nel cortile della parte orientale del complesso, la polizia ha sparato gas lacrimogeni e granate stordenti, è stata una scena che non riesco a descrivere", ha detto all'agenzia Fahmi Abbas, un fedele della moschea. "Hanno fatto irruzione e hanno iniziato a picchiare tutti. Hanno trattenuto le persone e messo i giovani a faccia in giù per terra mentre continuavano a picchiarli". I video che circolano sui social media, che Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente, mostrano lo scoppio di fuochi d'artificio e la polizia che picchia le persone all'interno di uno degli edifici della moschea. I video della polizia mostravano la polizia entrare nell'edificio mentre i fuochi d'artificio esplodevano nell'oscurità.

La polizia israeliana ha dichiarato in un comunicato che le unità di sicurezza sarebbero state costrette a entrare nel complesso dopo che quelli che sono stati definiti "manifestanti mascherati" si sarebbero chiusi all'interno dell'edificio con fuochi d'artificio, bastoni e pietre. "Dopo molti tentativi continui di allontanare gli individui dalla moschea con il dialogo, la polizia è stata costretta a entrare nel complesso per allontanare gli individui", ha dichiarato la polizia. "Durante la presenza delle forze di polizia nel complesso, sono state lanciate pietre e sono stati fatti esplodere diversi petardi all'interno della moschea da parte di molti individui che violavano la legge e dei rivoltosi", hanno dichiarato ancora le forse dell'ordine, aggiungendo che due agenti sono stati feriti.

Migliaia di fedeli avevano trascorso la notte nella Spianata delle Moschee, luogo in cui si trova Al Aqsa, tra i timori di possibili scontri in occasione della Pasqua ebraica con i visitatori ebrei del sito, che essi venerano come il Monte del Tempio, il luogo dei due antichi Templi del giudaismo. In base all'accordo di lunga data sullo "status quo" che regola l'area, che Israele dice di mantenere, i non musulmani possono visitare la spianata, ma solo i musulmani sono autorizzati a pregare. Il Waqf, l'organizzazione di nomina giordana che gestisce il complesso ha descritto le azioni della polizia come un "flagrante attacco all'identità e alla funzione della moschea come luogo di culto per soli musulmani". "L'assalto alla moschea di Al-Aqsa da parte delle forze di occupazione e l'attacco ai fedeli con questa brutalità richiede un'azione urgente palestinese, araba e internazionale", ha detto il segretario dell'Olp Hussein al-Sheikh, aggiungendo che occorre "porre tutti davanti alle proprie responsabilità nel proteggere i luoghi santi e i fedeli dall'oppressione dell'occupazione".

"Gli approcci estremisti che controllano la politica del governo israeliano porteranno a scontri diffusi con i palestinesi se non vi si pone fine", ha dichiarato il segretario generale della Lega Ahmed Aboul Gheit in un comunicato. Scontri alla moschea di Al-Aqsa nel 2021 scatenarono una guerra di 10 giorni tra Israele e Gaza. Anche la Turchia ha condannato le forze di sicurezza israeliane dopo gli scontri sulla Spianata delle Moschee. "Questi attacchi contro coloro che pregano alla moschea di al-Aqsa durante il mese sacro del Ramadan non sono in alcun modo accettabili", si legge in un comunicato del ministero degli Esteri di Ankara in cui viene espressa "preoccupazione" anche per la situazione nella Striscia di Gaza e viene chiesto al governo israeliano di "fermare immediatamente tutte le provocazioni e gli attacchi". Con Israele ancora alle prese con settimane di tensioni interne per i piani aspramente contestati del premier Benjamin Netanyahu di limitare i poteri della Corte Suprema, l'incidente si è aggiunto a un'atmosfera politica già febbrile. Nell'ultimo anno, le forze israeliane hanno effettuato migliaia di arresti in Cisgiordania e ucciso più di 250 palestinesi, mentre più di 40 israeliani e tre ucraini sono morti in attacchi palestinesi.za

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cariche sui fedeli nella moschea di Al-Aqsa, si teme nuova guerra con Gaza
Today è in caricamento