rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Abusi in divisa / Stati Uniti d'America

Usa, la polizia uccide un 26enne afroamericano sparando quasi 100 colpi: il video choc

La vittima è un 26enne afroamericano fermato dagli agenti perché non indossava la cintura di sicurezza. Secondo la versione ufficiale si sarebbe rifiutato di scendere dall'auto aprendo per primo il fuoco

Un altro episodio di uso della forza commesso dalla polizia statunitense verso un cittadino afroamericano. Quest'ultimo, secondo un rapporto dell'ufficio di monitoraggio civile della città di Chicago, avrebbe aperto il fuoco per primo e, a quel punto, gli agenti avrebbero sparato 96 colpi in soli 42 secondi, uccidendo un automobilista afroamericano di 26 anni, Dexter Reed.

Il 26enne era stato fermato perché non aveva la cintura di sicurezza

I fatti risalgono allo scorso 21 marzo, ma solo ora un secondo rapporto del Civilian Office of police accountability - l'ufficio preposto ad accertare le responsabilità delle forze dell'ordine in casi come questo - ha reso noti i dettagli della sparatoria, ancora oggetto di indagine.

Il giovane era stato fermato dagli agenti nel quartiere di Humboldt Park mentre era alla guida del suo Suv perché non indossava la cintura di sicurezza. Secondo la versione ufficiale, i poliziotti avrebbero aperto il fuoco dopo che il 26enne si sarebbe rifiutato di uscire dal veicolo e avrebbe sparato per primo, ferendo un agente. 

Nel video girato dalle bodycam di uno degli agenti che hanno circondato il veicolo del 26enne, si vede il conducente abbassare rapidamente il finestrino, per poi rialzarlo, evitando di uscire dall'auto. A quel punto arrivano altri agenti, urlando comandi ed estraendo le armi. Il Civilian Office ha affermato che, secondo le indagini preliminari, Reed avrebbe sparato per primo, ferendo un agente. Solo allora altri 4 quattro agenti hanno risposto al fuoco, esplodendo quasi 100 colpi in poco più di 40 secondi.

Stati Uniti, la polizia ha ucciso un ragazzino affetto da autismo perché "brandiva un attrezzo da giardino"

Come ha però ammesso lo stesso ufficio del dipartimento di polizia, "gli spari sono continuati anche dopo che Reed è uscito dal suo veicolo ed è caduto a terra". Aldilà delle formali conclusioni cui giungeranno le indagini, l'episodio è destinato ad alimentare l'annoso dibattito sul razzismo e sull'uso della forza da parte della polizia negli Stati Uniti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usa, la polizia uccide un 26enne afroamericano sparando quasi 100 colpi: il video choc

Today è in caricamento