rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Incubo terrorismo / Belgio

Urla "Allahu Akbar" e accoltella i poliziotti: un agente morto e uno ferito

Torna l'incubo terrorismo a Bruxelles. Emerge una ricostruzione destinata a far discutere: l'aggressore si sarebbe presentato in giornata in un commissariato manifestando l'intenzione di compiere un attacco. Con la supervisione di un magistrato, sarebbe stato condotto in ospedale per una valutazione psichiatrica e poi lasciato andare

Torna l'incubo terrorismo a Bruxelles, dopo gli attentati del marzo 2016. Due agenti di polizia sono stati aggrediti da un uomo armato di coltello nel quartiere di Schaerbeek, nei pressi della Gare du Nord, una delle principali stazioni ferroviarie della città. Uno è morto, l'altro è rimasto ferito. "Una delle nostre pattuglie è stata aggredita da un uomo armato di coltello" ha detto la polizia di Bruxelles-Nord. "L'aggressore è stato bloccato e, poi, portato in ospedale" aggiunge.

L'aggressore è stato 'neutralizzato' da un terzo agente e, secondo quanto raccontato da alcuni testimoni ai media locali, avrebbe urlato 'Allah Akbar' (Dio è grande) prima di colpire: il suo sarebbe presente nella lista dei 'potenziali estremisti violenti'. La pista del terrorismo è tutt'altro che esclusa, anche se non ci sono conferme ufficiali.  In ogni caso le indagini sono in mano all'anti-terrorismo del Belgio. L'accoltellatore avrebbe 31 anni e si chiamerebbe Y.M. Alcune ore prima, attorno a mezzogiorno, aveva urlato alcune minacce presso il commissariato di Evere, quartiere non lontano dal luogo dell'omicidio. L'aggressione è avvenuta a Schaerbeek, vicino alla Gare du Nord, in una delle zone considerate meno sicure della capitale: Rue d'Aerschot.

L'edizione online di Le Soir fornisce una ricostruzione destinata a far discutere: l'aggressore si sarebbe presentato in giornata in un commissariato manifestando l'intenzione di compiere un attacco contro la polizia. Con la supervisione di un magistrato, sarebbe stato condotto in ospedale per una valutazione psichiatrica e sarebbe stato poi lasciato andare via. Dopo la diffusione della notizia, sono giunti i primi commenti. "I nostri agenti di polizia rischiano la vita ogni giorno per garantire la sicurezza dei nostri cittadini. Il dramma di oggi lo dimostra ancora una volta", ha affermato il premier belga Alexander De Croo. "Scioccata per l'omicidio di un agente di polizia di Bruxelles in servizio stasera", twitta la presidente dell'Eurocamera Roberta Metsola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urla "Allahu Akbar" e accoltella i poliziotti: un agente morto e uno ferito

Today è in caricamento