Martedì, 13 Aprile 2021
Turchia

Turchia, nuove "purghe" di Erdogan nel settore pubblico: più di 900 licenziamenti

Dal luglio del 2016, più di 140.000 persone sono state licenziate o sospese dai loro posti di lavoro per presunti legami con Fethullah Gulen, predicatore islamico che vive in Usa accusato di essere la mente il tentativo di colpo di stato

Continuano le "purghe" di Erdogan in Turchia, a pagare sono ancora una volta i lavoratori: ad un anno dal fallito golpe, le autorità hanno infatti licenziato oltre 900 funzionari del settore pubblico come viene riferito in un decreto di emergenza pubblicato nella bolletta ufficiale oggi.

Dal luglio del 2016, più di 140.000 persone sono state licenziate o sospese dai loro posti di lavoro per presunti legami con Fethullah Gulen, predicatore islamico che vive in Usa accusato di essere la mente il tentativo di colpo di stato.

Dopo il tentato golpe 50mila arresti

In 12 mesi più di 50.000 persone, tra cui giornalisti, sono stati arrestati grazie allo stato d'emergenza imposto l'anno scorso in una repressione che ha causato forti preoccupazioni della comunità internazionale

In tutto 928 persone sono state licenziate con l'ultimo decreto, compresi i funzionari pubblici che lavorano nei ministeri di Difesa, Esteri e Interni, nonché personale militare. Le autorità turche hanno silurato anche 10 generali in pensione secondo il decreto. Nello stesso decreto si afferma che 57 funzionari e personale militare sono tornati al loro posto di lavoro, inclusi 28 funzionari del ministero della Giustizia e delle istituzioni.

Sei organizzazioni, tra cui tre centri di comunicazione nel sud-est, sono stati chiusi: tra questi Dicle Media News Agency con sede nella città di Diyarbakir, di maggioranza curda. Decine di media, tra cui giornali e emittenti, sono stati chiusi da luglio.

L'intelligence agli ordini di Erdogan

Un secondo decreto ha sottoposto l'organo di intelligence nazionale (MIT) agli ordini della presidenza - precedentemente era competenza del primo ministro - mentre la presidenza dovrà dirigere un nuovo organismo chiamato il National Coordinating Intelligence Board (MIKK). Con questo ultimo decreto, l'autorizzazione del presidente Recep Tayyip Erdogan sarebbe necessaria per un eventuale indagine sul capo del MIT.

La mossa sembra essere parte delle misure adottate per attuare le modifiche approvate nel referendum di aprile per espandere i poteri di Erdogan. La maggior parte delle misure di riforma entreranno in vigore dopo le elezioni presidenziali e parlamentari del 2019.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turchia, nuove "purghe" di Erdogan nel settore pubblico: più di 900 licenziamenti

Today è in caricamento