Sabato, 25 Settembre 2021
Mondo

Ucraina, Putin ritira le truppe

Lo "zar" richiama le truppe al confine, ma tre reggimenti ucraini passano con i russi. Gli Usa, intanto, sospendono la cooperazione militare con la Russia

KIEV - Dopo l'ultimatum all'Ucraina - poi smentito - di ieri, Vladimir Putin ha richiamato le sue truppe al confine, mentre tre reggimenti missilistici antiaerei delle forze armate dell'Ucraina, di base in Crimea, sono passati dalla parte delle autorità filorusse della Repubblica autonoma ucraina.

In totale più di 700 soldati e ufficiali di stanza a Jalta, Feodosia e Fiolent hanno dichiarato la loro "disponibilità a difendere la popolazione di Crimea". Lo ha detto un portavoce della regione di Crimea all'agenzia Ria Novosti. Le unità di difesa antiaerea includono più di 20 sistemi missilistici antiaerei "Buk" e più di 30 sistemi missilistici antiaerei S-300 PS.

Vladimir Putin ha ordinato "alle truppe e alle formazioni che hanno preso parte alle esercitazioni militari" nei distretti militari centrale e occidentale di questi giorni "di tornare ai loro posti di schieramento permanente", aveva annunciato un portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov. Secondo lui, senza meglio specificare, il comandante supremo delle Forze Armate della Russia preso atto del "successo dell'esercitazione" a sorpresa che aveva ordinato nei giorni scorsi per i distretti , a ridosso dell'Europa e della stessa Ucraina. Una decisione che era stata vista come un primo, duro monito all'Occidente.

"DIFENDEREMO IL NOSTRO POPOLO": LE PAROLE DI PUTIN

Il tutto mentre dal rappresentante permanente russo presso l'Onu Vitaly Churkin, si sottolinea che l'intervento russo in Crimea sarebbe stato chiesto da Viktor Yanukovich, il presidente ucraino decaduto che ha invitato Putin a usare le Forze armate russe per ristabilire l'ordine sul territorio dell'Ucraina. "Il presidente legittimamente eletto dell'Ucraina ha fatto appello al presidente Putin a utilizzare le forze armate della Russia per ripristinare lo Stato di diritto in Ucraina" ha dichiarato Churkin in una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nella notte. Secondo lui questo appello al presidente russo risale al primo marzo.

KERRY A KIEV - Intanto, nella notte il Pentagono ha annunciato che gli Stati Uniti hanno "sospeso tutti i legami militari" tra Washington e Mosca in seguito all'intervento russo in Crimea. "Questa decisione include le esercitazioni e le riunioni bilaterali, gli scali delle navi e le conferenze di pianificazione militare", ha affermato il portavoce della Difesa americana, contro-ammiraglio John Kirby, in un comunicato. Oggi, il segretario di Stato americano John Kerry sarà a Kiev per mostrare sostegno alle autorità ad interim ucraine, mentre le forze russe controllano completamente la Crimea.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucraina, Putin ritira le truppe

Today è in caricamento