Lunedì, 19 Aprile 2021
Canada

Chiese alla vittima di stupro "perché non hai chiuso le gambe?": giudice costretto a dimettersi

L'uomo, canadese, si è scusato dopo il comportamento “umiliante e irrispettoso” verso la ragazza di 19 anni

Foto di repertorio

“Vorrei esprimere le mie scuse più sincere a coloro che ho ferito con le mie considerazioni”. Durante il processo a una ragazza vittima di uno stupro, le aveva chiesto perché non avesse tenuto le gambe chiuse per sottrarsi alla “penetrazione”. Oggi il giudice canadese Robin Camp si è dimesso, poche ore dopo la pubblicazione delle raccomandazioni in questo senso da parte del corpo disciplinare della magistratura canadese. 

Il processo per stupro presso la corte di Calgary nel 2014 era balzato alle cronache per l’atteggiamento particolarmente aggressivo da parte del giudice nei confronti della 19enne, alla quale, oltre a chiedere perché non avesse reagito in modo più convinto per evitare la violenza, aveva ricordato che “talvolta sesso e dolore vanno assieme”.

I giudici disciplinari hanno anche verificato che nel corso del processo il magistrato aveva avuto un comportamento “umiliante e irrispettoso” verso la ragazza. Al termine del processo l’imputato 29enne era stato assolto dal giudice, sentenza poi confermata in appello.
 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiese alla vittima di stupro "perché non hai chiuso le gambe?": giudice costretto a dimettersi

Today è in caricamento