rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Mondo Svizzera

Canone tv, referendum per l'abolizione: in Svizzera la maggioranza è contro

Il 4 marzo si vota in Svizzera il referendum per l'abolizione del canone tv, ma la maggioranza dei cittadini elvetici è contro l'abolizione

Il 4 marzo sarà una data importante anche per la Svizzera. Quel giorno infatti gli svizzeri sono chiamati a pronunciarsi sull'iniziativa "No Billag" che vuole abolire il canone radiotelevisivo. (Billag è il nome dell'Ufficio svizzero di riscossione dei canoni radiotelevisivi, ndr).

L'iniziativa, promossa dalla destra elvetica, considera il canone una tassa che limita la libertà di ogni individuo e la concorrenza sul mercato dei media. Ma tanto il governo di Berna che il parlamento invitano i cittadini a bocciarla poiché lo smantellamento del servizio pubblico radiotelevisivo danneggerebbe la qualità e la pluralità dei media in Svizzera, favorendo l`espansione sul mercato di gruppi stranieri.

Secondo l`ultimo sondaggio, realizzato tra il 7 e il 14 febbraio dall`istituto gfs.bern, quasi i due terzi dei votanti vogliono respingere questa proposta che vuole un finanziamento su basi puramente commerciali di tutte le emittenti radiotelevisive in Svizzera. Soltanto il 2% degli intervistati non sa ancora come votare il prossimo 4 marzo e ben il 78% afferma di essere già sicuro della propria scelta.

Nel Ticino l'esito del voto è particolarmente incerto. Un dato sorprendente, tenendo conto del fatto che il cantone di lingua italiana beneficia maggiormente della chiave di ripartizione del canone all`interno della SSR, la televisione svizzera: solo il 4% dei proventi viene raccolto nella Svizzera italiana, che riceve però il 22% del totale. Nel caso di una vittoria di "No Billag", quindi, la Rsi sarebbe la prima a rischiare l'estinzione. Contro l'iniziativa si sono schierate tutte le associazioni italiane in Svizzera, quelle di svizzeri all'estero oltre al Forum per l'italiano in Svizzera.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canone tv, referendum per l'abolizione: in Svizzera la maggioranza è contro

Today è in caricamento