rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Via da Mosca / Russia

I 200mila russi che sono scappati dalla Russia e da Putin

Dal 2000, quando Putin è stato eletto per la prima volta presidente, al 2020, sono emigrati dai quattro ai cinque milioni di russi. Ma il flusso iniziato il 24 febbraio, dopo l'invasione dell'Ucraina, sembra avere pochi precedenti nella storia recente

Almeno 200.000 russi hanno abbandonato casa e lavoro perché "disgustati" dall'attacco del Cremlino all'Ucraina e dalla risposta ampiamente entusiasta alla guerra da parte dei loro compatrioti: a fare un bilancio e a ipotizzare le cifre reali del mini-esodo è Al Jazeera. "Non vogliono avere niente a che fare con il progetto fasullo imperiale di Putin e non vogliono essere associati ai suoi crimini di guerra", ha scritto a metà marzo su Bloomberg l'editorialista Leonid Bershidsky. "Altri [se ne vanno] perché non possono immaginare di vivere sotto l'autarchia in stile sovietico a cui le sanzioni occidentali hanno condannato la Russia", ha scritto. La fuga post-invasione dalla Russia non è il primo capitolo dell'esodo di milioni di persone che hanno deciso di non vivere più nel Paese governato ormai da più di un ventennio da Putin.

Dal 2000, quando Putin è stato eletto per la prima volta presidente, al 2020, sono emigrati dai quattro ai cinque milioni di russi, secondo una ricerca pubblicata dalla rivista russa Takie Dela ad ottobre. Avere numeri certi è molto complicato, quindi le cifre si basavano su sondaggi, datinon russi ma di dozzine di paesi – dal Kazakistan al Canada – nonché statistiche russe sul numero di persone che avevano cancellato la registrazione della residenza. Le mete dell'emigrazione russa sono cambiate nel corso del tempo. All'inizio del millennio, i russi emigravano principalmente in Europa e Nord America, ma dopo il 2014 altri si sono trasferiti nelle ex repubbliche sovietiche, sempre secondo la rivista Takie Dela. 

Almeno 200.000 persone hanno lasciato la Russia nei primi 10 giorni di guerra in Ucraina, secondo i calcoli di Konstantin Sonin, economista russo che lavora per l'Università di Chicago. "Il tragico esodo non si vedeva da un secolo", ha scritto Sonin in un  tweet, in cui ha paragonato la fuga in corso con l'"emigrazione bianca" che seguì la rivoluzione bolscevica del 1917 quando circa cinque milioni di persone fuggirono dall'ex impero russo, andando a vivere soprattutto in Germania , Francia, Stati Uniti, Argentina e Cina. Tra gli emigrati "celebri" c'erano il romanziere Vladimir Nabokov, il compositore Igor Stravinsky e l'ingegnere designer Igor Sikorsky.

Rispetto a un secolo fa, oggi l'emigrazione è più veloce e molto più facile, soprattutto per i "nomadi digitali" che possono vivere quasi ovunque purché vi sia l'accesso a Internet a banda larga e all'online banking. Un'indagine su più di 2.000 emigranti condotta a metà marzo da OK Russians, una nuova organizzazione no-profit che aiuta gli emigrati, ha rilevato che circa un terzo di coloro che se ne sono andati erano esperti di informatica, manager di vario livello costituivano un altro terzo e il resto erano impiegati e liberi professionisti creativi: designer, blogger, giornalisti (che temono di non poter più svolgere il loro lavoro).

Il sondaggio ha così concluso che fino a 300.000 russi avevano lasciato il paese al 16 marzo, principalmente verso Georgia, Turchia e Armenia. Molti russi stanno andando anche in paesi europei come la Lettonia e la Finlandia, che condivide il più lungo confine occidentale con la Russia ed è raggiungibile sia in auto sia in treno. Altri sono partiti per destinazioni più esotiche. Il flusso migratorio iniziato il 24 febbraio sembra avere pochi precedenti nella storia recente della Russia. Le pesanti sanzioni occidentali imposte a causa dell’invasione dell’Ucraina rischiano di peggiorare lo stile di vita di moltissime persone, e le ultime misure contro il dissenso hanno cancellato le residue libertà che non erano ancora state represse nei due decenni scorsi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I 200mila russi che sono scappati dalla Russia e da Putin

Today è in caricamento