rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Effetti della mobilitazione / Russia

La grande fuga dalla Russia: 66mila in una sola settimana verso l'Ue

La maggior parte è entrata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni

La "mobilitazione parziale" annunciata da Putin per sostenere lo sforzo bellico contro l’Ucraina ha scatenato la corsa alle frontiere di molti uomini russi contrari alla guerra. Dopo i video delle lunghe code alle frontiere e le notizie dei voli ‘sold out’ in partenza dalla Russia verso destinazioni straniere che non richiedono il visto (Georgia, Armenia, Turchia, Azerbaigian, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan), arrivano conferme anche da Frontex. Secondo l’ultimo bollettino, quello che prende in considerazione la settimana che va dal 19 al 25 settembre, ben 66.000 russi sono entrati nell'Unione europea, con un aumento del 30% rispetto alla settimana precedente.

La grande fuga dalla Russia dopo l'annuncio di Putin 

Si tratta di numeri importanti, che potrebbero subire un’accelerazione nei prossimi giorni. La maggior parte di queste persone è entrata in Ue attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni. "Gli ingressi sono aumentati significativamente in Finlandia a seguito dell'annunciata mobilitazione in Russia", si legge nel bollettino. La situazione sta diventando talmente seria e difficile da gestire che "il 19 settembre, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia hanno iniziato ad applicare restrizioni all'ingresso dei cittadini russi che viaggiano esclusivamente per turismo o per svago, restrizioni simili sono in corso in Finlandia", si legge.

Russi in fuga da Putin respinti al confine Ue: "Non concederemo l'asilo politico"

La Casa Bianca apre ai russi che chiedono asilo

Proprio oggi gli Usa hanno dichiarato che daranno il benvenuto a qualsiasi persona cerchi asilo provenendo dalla Russia. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, in un briefing con i reporter. Dopo le gravi perdite sul campo di battaglia in Ucraina durante la controffensiva di Kiev, e l'annuncio dell'annessione dei territori occupati in Ucraina, Putin ha ordinato un'immediata mobilitazione di quelli che il suo ministro della Difesa ha detto essere 300.000 riservisti. Secondo la normativa vigente, però, i riservisti non possono "lasciare la propria residenza senza il permesso dei commissariati militari".

Chi sono i riservisti che Putin vuole mandare in Ucraina

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La grande fuga dalla Russia: 66mila in una sola settimana verso l'Ue

Today è in caricamento