rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Il caso / Ucraina

"La Russia sta reclutando soldati in Siria"

Secondo i media siriani Mosca avrebbe offerto ai volontari dal paese tra 200 e 300 dollari per andare in Ucraina. Le indiscrezioni di stampa sono state confermate dal Pentagono, ma non dal Cremlino

La Russia "sta cercando di reclutare siriani" per combattere in Ucraina. Lo ha confermato una fonte autorevole del Pentagono in un briefing con i giornalisti, dopo che il Wall Street Journal aveva anticipato la notizia nella sua edizione di oggi. Non è chiaro tuttavia se i 'foreign fighters' sono già sul teatro, ha precisato il Pentagono. Secondo gli Stati Uniti dunque la Russia, che opera in Siria dal 2015, negli ultimi giorni starebbe reclutando combattenti da lì, sperando che la loro esperienza nel combattimento urbano possa aiutare a prendere il comando di Kiev e infliggere un colpo devastante al governo ucraino. Alcuni media siriani hanno riportato che la Russia avrebbe offerto ai volontari dal paese tra 200 e 300 dollari per andare in Ucraina e combattere sei mesi alla volta. 

Sempre secondo il Pentagono la Russia avrebbe impegnato "quasi il 100%" delle forze di combattimento che aveva dispiegato nei mesi scorsi sul confine dell'Ucraina e in Bielorussia. Finora l'esercito di Mosca ha lanciato oltre 625 missili, per lo più missili da crociera e missili terra-aria a corto e medio raggio. Le fonti militari americane affermano poi che i russi non hanno ancora il dominio del cielo, con l'Ucraina che continua ad avere "la maggioranza dei suoi aerei" a disposizione come anche i missili terra aria per difendere il proprio spazio aereo. Un alto funzionario della difesa, tuttavia, ha sottolineato che Putin ha la stragrande maggioranza della sua potenza aerea ancora in attesa dietro le quinte e "disponibile per l'uso". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Russia sta reclutando soldati in Siria"

Today è in caricamento