rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
La stretta / Russia

La Russia vuole espellere gli stranieri trovati a pubblicare "propaganda Lgbt"

Oltre a dover abbandonare il Paese i trasgressori dovranno pagare una multa compresa tra i 100mila e i 400mila rubli, a seconda della "gravità" dell’infrazione

Il Cremlino continua la sua battaglia contro la “propaganda Lgbt+”. Il Parlamento russo vuole espellere i cittadini stranieri travati a pubblicizzare “gli stili di vita omosessuali”. Sostenendo di voler punire la diffusione di "valori non tradizionali", il disegno di legge propone anche multe tra i 100mila e i 200mila rubli (ovvero tra i 1.650 e i 3.300 euro) che può arrivare fino ai 400mila rubli (circa 6.600 euro) nel caso in cui la comunicazione proibita sia diretta a minori.

Sarebbe un altro passo verso la repressione delle persone queer in Russia, dopo che la lotta contro la "decadenza" occidentale è stata usata come una delle giustificazioni per la guerra con l'Ucraina. All'inizio di questo mese la Duma ha anche discusso la possibilità di vietare i media Lgbt+ online, anche per gli adulti, con il deputato Alexander Khinshtein che ha inveito contro "la propaganda condotta contro la nostra società", nominando Peppa Pig tra i peggiori colpevoli.

Nel Paese guidato da Vladimir Putin è da anni vietato diffondere informazioni riguardanti "orientamenti sessuali non tradizionali" ai minori. Possono essere puniti tutti coloro che diffondono "l'idea distorta che gli orientamenti sessuali tradizionali e non tradizionali abbiano lo stesso valore sociale".

Per tutte queste infrazioni possono essere inflitte multe che vanno dai 4mila a 5mila rubli (circa 100 euro) ai semplici cittadini, e multe da 40mila a 50mila rubli (circa mille euro) alle persone che ricoprono cariche istituzionali, e multe fino a 1 milione di rubli o la sospensione delle attività per 90 giorni alle persone giuridiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Russia vuole espellere gli stranieri trovati a pubblicare "propaganda Lgbt"

Today è in caricamento