rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Il test / Russia

Russia testa nuovo missile balistico intercontinentale. Putin: "Chi ci minaccia rifletta"

Per Mosca sarebbe in grado di colpire Europa e Stati Uniti

Il presidente russo Vladimir Putin mostra un arsenale di eccellenza per minacciare chi lo ostacola nella sua "operazione speciale" (il nome ufficialmente utilizzato dalla Russia per descrivere la guerra) in Ucraina. Secondo il Ministero della Difesa della Federazione Russa il missile ipersonico potrebbe penetrare "qualsiasi sistema di difesa missilistico esistente e potenziale". In base a quanto si conosce, i missili balistici intercontinentali Sarmat hanno una portata di 18.000 km, poco meno della metà della circonferenza equatoriale. Quindi, il razzo sarebbe in grado di colpire Europa e Stati Uniti. Il missile è stato lanciato oggi, 20 aprile, dal cosmodromo di Plesetsk, nella regione orientale di Arkhangelsk, dopo aver coperto una distanza di oltre 5.450 chilometri. La notizia del lancio è stata data dalle Tv nazionali, che hanno mostrato il momento in cui il presidente russo veniva informato dai militari del successo dell'operazione.

Per Putin il nuovo missile balistico intercontinentale Sarmat "non ha simili al mondo e non li avrà per molto tempo" e fornirà spunti di riflessione a coloro che cercano di minacciare la Russia nel mezzo della guerra in corso con l'Ucraina. "Quest'arma davvero unica rafforzerà il potenziale di combattimento delle nostre Forze armate, assicurerà in modo affidabile la sicurezza della Russia dalle minacce esterne e farà riflettere coloro che, nel fervore di una retorica frenetica e aggressiva, cercano di minacciare il nostro Paese", ha dichiarato Putin in un messaggio di congratulazioni alla Difesa per il successo del primo test.

Cos'è il missile Samart

Il leader del Cremlino ha sottolineato come l'arma sia interamente "made in Russia". Putin ha infatti ha affermato che i Sarmat vengono assemblati solo con componenti prodotti in Russia per semplificare il processo produttivo dei missile in serie e accelerare il trasferimento degli arsenali alle forze missilistiche strategiche. I Sarmat sono destinati a rimpiazzare i R-36M2 Voevoda, in servizio da cinquant'anni, e la prima base a effettuare la sostituzione, ha comunicato la Difesa russa, sarà  quella di Krasnoyarsk, entro la fine dell'anno. I test di lancio, inizialmente previsti per il terzo trimestre del 2021, saranno almeno tre, uno dei quali coprirà la sua gittata massima. Il Sarmat è in grado di volare a una velocità di 24 mila chilometri all'ora, pesa 208 tonnellate, può contenere fino a 178 tonnellate di carburante e può portare una testata del peso di quasi 10 tonnellate.

Un modello Samart era già stato presentato in un discorso del 1° marzo 2018, quando Putin fece conoscere al mondo il Sarmat Rs28 - soprannominato "Satan 2" dagli analisti occidentali - è un missile a due stadi, dal peso di 200 tonnellate e capace di una gittata di 11mila chilometri. Come aveva affermato il presidente russo in quell'occasione, il nuovo missile classe "Sarmat è in grado di volare 20 volte più veloce del suono e cambiare continuamente quota di crociera e questo lo rende assolutamente invincibile rispetto a qualsiasi forma di difesa missilistica di aria e terra". Sarmat Rs28 è capace di attraversare più continenti ed evitare i radar". Non solo: è in grado trasportare fino a 15 testate nucleari oltre a diversi dispositivi elettronici e falsi bersagli per ingannare i sistemi di difesa nemici.

I test missilistici russi sono divenuti più frequenti negli ultimi mesi. Lo scorso 19 febbraio, in occasioni delle esercitazioni militari congiunte con la Bielorussia, sono stati lanciati un missile da crociera ipersonico, e duale, Kinzhal, da un aereo da guerra, Kalibr, che ha una gittata di duemila chilometri, e il missile ipersonico Zirkon da unità navali della Flotta del Mar Nero e della Flotta settentrionale, contro obiettivi navali e basati a terra. In particolare i Kinzhal sono missili balistici ipersonici con capacità nucleare o convenzionale lanciati da un Mig-31 modificato. È una delle sei armi di "prossima generazione" citate da Putin nel discorso del 1 marzo 2018. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Russia testa nuovo missile balistico intercontinentale. Putin: "Chi ci minaccia rifletta"

Today è in caricamento