rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Il punto sui negoziati

Russia e Ucraina sono vicine ad un accordo?

Domani riprendono i colloqui. Zelensky al Parlamento israeliano: "Come voi rischiamo la distruzione"

Secondo la Turchia, Russia e Ucraina sarebbero vicine ad un accordo. Mosca e Kiev avrebbero compiuto importanti progressi nei negoziati per porre fine all'invasione, ha dichiarato Ankara che in questo conflitto ha assunto un "ruolo di mediatore e facilitatore". Nel frattempo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha detto di essere pronto a negoziare con il presidente russo Vladimir Putin, ma ha avvertito che se i tentativi di negoziato fallissero, ciò potrebbe significare che la lotta tra i due paesi porterebbe a "una terza guerra mondiale".

Guerra Russia Ucraina: ultime notizie in diretta

Domani riprendono i colloqui

I colloqui tra russi e ucraini dovrebbero riprendere domani con un incontro online, scrive la Tass citando Ukrainiskaya Pravda. "Vediamo che le parti sono vicine a un accordo - ha dichiarato il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu -  "Certo, non è facile arrivare a un'intesa mentre la guerra è in corso e i civili vengono uccisi, ma vorremmo dire che lo slancio negoziale sta progredendo". 

Il presidente ucraino Zelensky ha detto di essere pronto a trattare con Putin. "Ero pronto negli ultimi due anni. E penso che senza negoziati non possiamo porre fine a questa guerra. Se c'è solo l'1% di possibilità per noi di fermare questa guerra, penso che dobbiamo esplorare questa possibilità. Dobbiamo farlo - ha detto Zelensky - Posso parlarvi del risultato di questi negoziati: in ogni caso, stiamo perdendo persone ogni giorno, persone innocenti sul campo". "Siamo in grado di contrattaccare. Ma, sfortunatamente, la nostra dignità non conserverà le vite. Quindi, penso che dobbiamo usare qualsiasi formato, qualsiasi possibilità per avere la possibilità di negoziare, la possibilità di parlare con Putin. Ma se questi tentativi falliscono, significherebbe che questa è la terza guerra mondiale".

Zelensky: "Israele deve fare una scelta. Russia distrugge Ucraina come nazisti con ebrei"

"Vogliamo vivere, i nostri vicini vogliono vederci morti e non ci danno molto spazio per il compromesso, ha detto il presidente ucraino in un discorso al Parlamento israeliano. Israele "deve fare una scelta", ha tuonato Zelensky chiedendo come mai Tel Aviv non abbia ancora fornito armi all'Ucraina e non abbia imposto sanzioni alla Russia. L'invasione della Russia "è diretta a distruggere il popolo dell'Ucraina ed è per questo che assomiglia a quello che i nazisti fecero al popolo ebraico durante la Shoah", ha aggiunto. I russi "stanno utilizzando di nuovo queste parole, 'la soluzione finale', in relazione a noi, alla nazione ucraina, è stato detto in un incontro a Mosca. Le nostre città sono spettrali, aiutateci. Come voi rischiamo la distruzione. È una guerra su vasta scala mirata alla distruzione del nostro popolo, alla distruzione dei nostri bambini, famiglie, stato, città, culture e tutto ciò che ci rende ucraini", ha denunciato Zelensky.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Russia e Ucraina sono vicine ad un accordo?

Today è in caricamento