Ruth Bader Ginsburg: perché la sua morte infiamma la campagna elettorale negli Usa

E' morta la seconda donna giudice alla Corte Suprema degli Stati Uniti. La nomina immediata di un conservatore darebbe ai repubblicani di fatto il dominio totale della Corte Suprema per le generazioni a venire

Se n'è andata Ruth Bader Ginsburg, la seconda donna nominata alla Corte Suprema degli Stati Uniti, diventata un idolo della sinistra americana per il suo impegno in favore dei diritti delle donne: è morta all'età di 87 anni. La morte della giurista, che era stata nominata da Bill Clinton nel 1993, è stata resa nota con un comunicato del massimo organismo giuridico americano.

E' un terremoto, inatteso, sulla campagna elettorale. La sua scomparsa, a meno di due mesi dalle elezioni presidenziali del 3 novembre, è destinata ad aprire un acceso scontro per la nomina del nuovo giudice della Corte. Donald Trump, che ha già nominato due giudici, Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh, potrebbe nominare, prima della fine del suo mandato, un terzo giudice, spostando così in modo definitivo l'equilibrio della Corte in favore dei conservatori.

Una possibilità paventata anche dalla Ginsburg, che negli ultimi mesi, nonostante avesse ripreso, per la quinta volta, la battaglia contro il cancro, ha sempre continuato a svolgere la sua attività in seno alla Corte. Secondo quanto ha riportato la radio pubblica Npr, prima di morire ha infatti dettato alla nipote Clara Spera le sue ultime volontà, indicando che "il desiderio maggiore è che non venga sostituita fino a quando non sarà insediato un nuovo presidente".

Ma i repubblicani hanno la maggioranza al Senato e possono rimpiazzarla. Nel 2016 quando Antonin Scalia morì, Obama non riuscì a nominare il sostituto perché le nomine dei giudici vanno ratificate dal Senato, e lì i democratici non avevano la maggioranza nemmeno all'epoca.

La nomina immediata di un giudice conservatore darebbe ai repubblicani di fatto il dominio totale della Corte Suprema per le generazioni a venire. E in un paese in cui il Congresso è spesso bloccato per i veti degli opposti schieramenti, l'impatto della Corte Suprema su decisioni che riguardano la vita di tutti i cittadini (diritti civili in primis, e poi sulle istituzioni, sul corpo delle donne, sull'immigrazione e sull'economia) è sempre maggiore.

Trump: "Ruth Bader Ginsburg era una donna straordinaria"

"Era una donna straordinaria, che uno fosse d'accordo o no con lei, era una donna straordinaria che ha avuto una vita straordinaria", ha detto Donald Trump rispondendo, a caldo, ai giornalisti che, a margine di un comizio in Minnesota, l'hanno informato della morte della giudice. Con una dichiarazione diffusa dalla Casa Bianca, Trump ha poi definito l'87enne giurista un "titano del diritto", lodandone "la brillante mente legale". "Le sue sentenze, comprese le note decisioni riguardo ai diritti delle donne e dei disabili, hanno ispirato tutti gli americani e generazioni di giuristi", conclude la dichiarazione. Trump non ha voluto rispondere alle domande riguardo alla nomina del nuovo giudice, ma fonti vicine al presidente hanno detto che il presidente stava preparando la sostituzione della giudice liberal anche prima della sua morte. E la Casa Bianca, assicurano le fonti, si muoverà "molto velocemente" per annunciare la nomina.

Chi era Ruth Bader Ginsburg

Ruth Bader Ginsberg era nata in una famiglia ebrea di Brooklyn negli anni della depressione, Ginsburg ebbe un'eccellente carriera accademica che la portò al top della sua classe quando alle Law School americane le donne ancora dovevano giustificare la loro presenza in un mondo maschile. Nella sua attività da avvocato negli anni settanta, lavorando insieme all'American Civil Liberties Union, discusse con successo di fronte alla Corte Suprema diversi casi contro la discriminazione di genere. E, nominata nel 1993 da Bill Clinton alla Corte Suprema, continuò a sostenere i diritti delle donne, delle minoranze ed il diritto all'aborto diventando negli anni l'eroina delle femministe e dell'intera America progressista. Amata ed idolatrata dalle giovani femministe, Rbc, come veniva chiamata Ginsburg, era diventata anche un'icona pop, con le magliette e le 'mug' dedicate a "Notorious RBG", con il gioco di parole con il nome del famoso rapper. Negli ultimi anni il suo status di icona era stato rafforzato da un popolare documentario "Rbg", del 2018, ed anche dal biopic di Hollywood "On the basis of sex" (in Italia "Una giusta causa").

La bugia più pericolosa di Donald Trump

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Raimondo Todaro: "Con Elisa Isoardi sempre più uniti, ma in ospedale con me c’era la mia ex moglie"

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di martedì 13 ottobre 2020: numeri e quote

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento