Giovedì, 25 Febbraio 2021
Thailandia

Trovati dopo 9 giorni i ragazzini intrappolati nella grotta: “Sono tutti vivi”

La notizia è stata resa nota dal governatore della provincia di Chiang Rai, in Thailandia. I 12 ragazzini e il loro insegnante sono in buone condizioni

Ragazzini intrappolati in una grotta in Thailandia (FOTO ANSA)

Sono salvi e stanno tutti bene i 12 ragazzini e il loro allenatore, rimasti intrappolati dal 23 giugno dentro una grotta nella provincia di Chiang Rai, in Thailandia. Dopo nove giorni di attesa, in cui le speranze sembravano diminuire con il passare del tempo, è arrivato invece il lieto fine che tutti speravano. A dare la notizia è stato il governato della provincia Narongsak Osatanakorn, che sta dirigendo le operazioni di soccorso.

"L'ultimo rapporto della nostra unità dei Seal riferisce che si sono inoltrati oltre Pattaya Beach e li hanno trovati salvi tutti e 13", ha affermato, riferendosi ad una grande sala della grotta sotterranea. "Ciò non significa la fine della missione. Dobbiamo ora far defluire tutta l'acqua dalla grotta e portarli fuori".

I 12 ragazzini fra gli 11 e i 16 anni, tutti giocatori di una squadra di calcio, erano dispersi dal 23 giugno quando avevano fatto un'escursione nella grotta di Thaum Luang assieme al loro allenatore di 25 anni. Davanti all'ingresso erano state ritrovate le loro biciclette. Successive piogge avevano allagato l'ingresso, bloccando i ragazzi all'interno e rendendo molto difficili i soccorsi.

Le operazioni di recupero

I giovani calciatori sono stati trovati a 400 metri dalla cavità di "Pattaya Beach", rimasta asciutta durante le inondazioni. Dalle prime informazioni sembra non si siano mai mossi da lì per tutta la durata della loro scomparsa. I soccorritori avevano da giorni identificato l'area come l'unica possibile via di salvezza per i dispersi, di cui non si avevano notizia da ormai nove giorni. Ora saranno necessarie alcune ore per mettere a punto le operazioni di recupero e riportare i dispersi all'esterno della grotta.

Le preghiere dei compagni

Sono state così esaudite le preghiere fatte ogni mattina negli ultimi nove giorni da insegnanti e compagni di scuola dei 12 ragazzini rimasti intrappolati. 

"Io, studente della scuola Mae Sai Prasitsar, prego per il ritorno dei 13 sani e salvi"

Così recitavano ad altra voce i 3mila studenti e i loro 200  professori, guidati nella preghiera da un insegnante.

"Che il mio karma passato e presente li aiuti tutti. Possano la dea Nang Non, gli angeli e tutti gli esseri sacri, salvare le loro vite - continua la preghiera riferendosi alla dea della montagna dove si trova la grotta - queste persone sono miei amici. Per favore salvatele". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovati dopo 9 giorni i ragazzini intrappolati nella grotta: “Sono tutti vivi”

Today è in caricamento