rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023

"Le città dell'Ucraina stanno rimanendo senza cibo e medicinali"

L'allarme di Massimiliano Signifredi, coordinatore della Comunità di Sant'Egidio in Polonia

MEDYKA, POLONIA - Si trova a Medyka, nel centro di prima accoglienza appena fuori dalla frontiera con l'Ucraina, Massimiliano Signifredi. E' italiano ma qui è nel ruolo di coordinatore della Comunità di Sant'Egidio in Polonia. L'organizzazione è attiva nell'aiuto ai rifugiati dall'Ucraina mentre in patria imperversa la guerra, e Medyka è una delle principali frontiere di passaggio. 

Lo incontriamo "sul campo", nel vero senso della parola. La presenza di Sant'Egidio è soprattutto per aiutare nel trasporto delle persone. Gli ucraini spesso sanno già dove andare una volta varcata la frontiera, si appoggeranno a parenti e amici già in territorio europeo. In Italia, sabato 5 marzo, ne erano già arrivati circa undicimila. I trasporti non sono però ancora totalmente efficienti: i pullman partono soprattutto per altri paesi, mentre Wizzair sta potenziando un servizio gratuito da Varsavia. Ma non basta mai.

Signifredi ci racconta che, nella capitale polacca, i centri di accoglienza sono capillari, e non poche famiglie stanno ospitando i profughi in arrivo. Sant'Egidio è presente anche a Kyiv, per cui Signifredi ha il 'polso' della situazione nelle città martoriate dalla guerra. "Incominciano a mancare anche i generi di prima necessità nelle città assediate e questo diventa un problema. Gli aiuti arrivano, e ne arrivano tanti: dalla Polonia convogliano su Lviv, città relativamente tranquilla nell'ovest dell'Ucraina, diventata una specie di centro di smistamento, ma poi trasportare il necessario dove ce n'è bisogno diventa un problema. "Hanno bombardato anche i treni", ci dice Signifredi, spiegandoci che il viaggio dei profughi dalle varie località ucraine alla frontiera è sempre più difficile e che, dalle città assediate, uscire è complicato.

"Abbiamo chiesto - conclude - che Kyiv diventi una città senza guerra, visto che è un centro importante di cultura religiosa ortodossa anche per i russi". O dovrebbe esserlo. 

Video popolari

"Le città dell'Ucraina stanno rimanendo senza cibo e medicinali"

Today è in caricamento