Sabato, 19 Giugno 2021
Mondo Stati Uniti d'America

Scandalo Facebook, Zuckerberg si scusa: "Pronto a testimoniare davanti al Congresso"

A qualche giorno dallo scandalo sull'uso improprio di dati personali di milioni di utenti da parte dell'azienda britannica Cambridge Analytica, parla il Ceo di Facebook: "E' stata una violazione molto importante della fiducia"

ansa

Mark Zuckerberg ha chiesto "scusa". Per rompere il suo lungo silenzio, il fondatore di Facebook ha scelto la Cnn. E in un'intervista esclusiva all'emittente americana ha riconosciuto i suoi "errori", dicendosi "felice" di testimoniare davanti al Congresso degli Stati uniti, a qualche giorno dallo scandalo sull'uso improprio di dati personali di milioni di utenti da parte dell'azienda britannica Cambridge Analytica. "E' stata una violazione molto importante della fiducia, mi dispiace davvero molto per quello che è successo, la nostra responsabilità è di assicurare che non accada di nuovo", ha spiegato nella notte italiana.

"Commesso degli errori"

Zuckerberg aveva parlato pubblicamente dello scandalo attraverso un post su Facebook ieri. Ha scritto che la società ha commesso degli "errori" e aveva sottolineato come ha cambiato le sue politiche per assicurare che i dati degli utenti siano protetti. "Vorrei che avessimo fatto questi passi prima", ha commentato alla Cnn. "Questo è probabilmente l'errore più grande che abbiamo fatto qui".

Finti test su Facebook: vogliono i vostri dati e sarete voi a darglieli gratis

Il Ceo di Facebook ha dichiarato che il social network intende avvisare tutti coloro i cui dati sono stati violati ed ha assicurato che la società non tarderà a spiegare agli utenti cosa è successo. "Questo è sicuramente qualcosa che, ripensandoci, mi dispiace di non avere già fatto", ha detto alla Cnn. "Penso che ci siamo sbagliati". Ed ha aggiunto di avere compiuto anche altri errori. "Ho iniziato quando ero così giovane e inesperto", ha detto il 33enne Zuckerberg. "Ho commesso errori tecnici ed errori di lavoro, ho assunto persone sbagliate, mi sono fidato delle persone sbagliate", ha affermato. "Probabilmente ho lanciato più prodotti che hanno fallito rispetto alla maggior parte delle persone nella loro vita", ha insistito. Ma alla fine ha detto di avere imparato dai suoi passi falsi. "Questo è l'impegno che cerco di avere all'interno della nostra azienda e della nostra comunità".

1-72-14

Facebook ammette: "Post di Mosca visti da metà degli elettori Usa" 

Il ruolo di Facebook nelle elezioni

Zuckerberg si è quindi detto "felice di testimoniare davanti al Congresso se questa è la cosa giusta da fare". "Ci sono state molte forze in gioco su Facebook durante le elezioni presidenziali americane del 2016", ha sottolineato ancora. "Le elezioni di metà mandato il prossimo novembre saranno una sfida, un motivo di grande attenzione per noi".

Zuckerberg, si è detto "sicuro che qualcuno stia provando" a usare il social network per interferire con le elezioni di metà mandato degli Stati Uniti. "Sono sicuro che qualcuno ci stia provando", ha detto. "Sono sicuro che c'è una seconda versione di tutto quello che è stato lo sforzo russo nel 2016, sono sicuro che ci stanno lavorando", ha insistito Zuckerberg. "E ci saranno alcune nuove tattiche che dobbiamo essere sicuri di individuare e fronteggiare".

Dai blog: Se i dati possono comprare le nostre libertà

2-8-87

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo Facebook, Zuckerberg si scusa: "Pronto a testimoniare davanti al Congresso"

Today è in caricamento