rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Lo stop / Regno Unito

La Scozia non potrà indire un nuovo referendum sull'indipendenza

Secondo la Corte Suprema del Regno Unito Edimburgo non ha il potere di procedere senza l'accordo del governo centrale

Il governo scozzese non ha il potere di indire un nuovo referendum sull'indipendenza senza il consenso di Londra. Lo ha stabilito mercoledì la Corte Suprema del Regno Unito interpellata da Edimburgo per confermarne la conformità alla legge.

Il tribunale ha ricordato che in base allo Scotland Act del 1998, che ha creato il Parlamento scozzese e devoluto alcuni poteri da Westminster, tutte le questioni relative all'Unione dei Regni di Scozia e Inghilterra sono riservate al Parlamento del Regno Unito. Pertanto Edimburgo non ha il potere di indire un referendum senza il permesso del governo centrale.

Il presidente della Corte Robert Reed ha ricordato che il referendum del 2014 è stato autorizzato da un accordo con Londra. Tuttavia, a differenza di allora, il governo scozzese intende saltare questo passaggio. In questo senso, "il referendum", che si sarebbe dovuto tenere il 19 ottobre 2023, "avrebbe importanti conseguenze politiche in relazione all'Unione e al Parlamento del Regno Unito", ha spiegato Reed. Inoltre, secondo il tribunale, dopo il voto del 2014, che è stato vinto dalla campagna per il "no" con il 55 per cento dei voti contro il 44 per cento a favore dell'indipendenza, non è trascorso abbastanza tempo per rendere necessario un nuovo referendum.

La leader dello Scottish National Party (Snp) e prima ministra scozzese Nicola Sturgeon, che si è detta "delusa" dalla sentenza, aveva in precedenza affermato di avere un "mandato indiscutibile" per tenere tale votazione. "Pur essendo delusa, rispetto la sentenza", ha dichiarato la leader indipendentista su Twitter. "La sentenza di oggi blocca la possibilità di far sentire la voce della Scozia sull'indipendenza, ma in una democrazia una voce non può essere messa a tacere e non lo sarà", ha aggiunto.

Nel 2017 Sturgeon ha ottenuto l'approvazione del Parlamento scozzese per indire un altro referendum, ma questo è stato bloccato dall'allora prima ministra britannica Theresa May. Attualmente l'Snp, detiene una maggioranza di 64 seggi su 129 nel Parlamento scozzese di Edimburgo, e 44 dei 650 seggi del di quello del Regno Unito a Westminster.

Dal voto sulla Brexit nel 2016, uno dei suoi argomenti principali è stato il fatto che la Scozia ha votato per rimanere nell'Unione Europea con il 62 per cento contro il 38 per cento. La Sturgeon ha dichiarato che il suo partito cercherebbe immediatamente di rientrare nel blocco con la Scozia come Paese indipendente, anche se rimangono dubbi su questioni come il commercio e la libertà di movimento, e se l'adesione all'euro sarebbe un criterio di adesione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Scozia non potrà indire un nuovo referendum sull'indipendenza

Today è in caricamento