rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Autoscatto ad alta quota / Stati Uniti d'America

Il selfie del pilota Usa con il pallone spia cinese

L'immagine pubblicata sul Pentagono sarebbe stata scattata il 3 febbraio, il giorno prima che il pallone venisse abbattuto

Un pilota di U-2 statunitense si è scattato un selfie mentre sorvolava il pallone spia cinese, poi abbattuto dall'esercito americano al largo della costa del South Carolina. L'autoscatto, pubblicato dal dipartimento della Difesa Usa, sarebbe stato realizzato il giorno prima dell'abbattimento.

Nell'immagine si vede la parte superiore del casco del pilota all'interno della cabina di pilotaggio dell'U-2 e il velivolo spia cinese sotto l'ala dell'aereo Usa. È stata scattata il 3 febbraio mentre il pallone "stava volando sull'area centrale degli Stati Uniti", secondo la didascalia del dipartimento della Difesa. Il giorno dopo, un jet da combattimento F-22 ha lanciato un missile AIM-9X Sidewinder e ha abbattuto il velivolo spia.

La Cina ha continuato a negare che si fosse un pallone spia, piuttosto, ha affermato che si trattasse di uno strumento di rilevazione meteorologica finito fuori rotta. Una versione a cui Washington non crede: secondo gli Usa il pallone faceva parte di un programma cinese per la raccolta delle informazioni. 

L'immagine rilasciata dal Pentagono è stata scattata a 60mila piedi di altezza (18.200 metri): gli aerei U-2, da quanto riporta l'Air Force, sono infatti in grado di volare anche ad altitudini superiori a 70mila piedi. Le operazioni di recupero dei resti del pallone sparsi nell'Atlantico si sono concluse venerdì scorso. La vice addetta stampa del Pentagono, Sabrina Singh, ha spiegato ai media statunitensi che sono iniziate le analisi e gli studi sui detriti recuperati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il selfie del pilota Usa con il pallone spia cinese

Today è in caricamento