Domenica, 24 Ottobre 2021
guerra in siria

Siria, raid russi nella provincia di Idlib: almeno 46 morti

Lo ha riferito l'Osservatorio siriano per i diritti umani, secondo cui i bombardamenti sarebbero stati lanciati dall'aviazione russa

Sono almeno 46 le vittime di una serie di bombardamenti su tre diversi settori della provincia nord-occidentale di Idlib, controllata dai ribelli siriani. Lo ha precisato l'Osservatorio siriano per i diritti umani, secondo cui i bombardamenti sarebbero stati lanciati dall'aviazione russa. Secondo un testimone "sei raid hanno colpito delle case e un affollato mercato locale". Le vittime sono in gran parte civili e fra questi diversi bambini. La Russia è il principale alleato del regime siriano nella guerra contro ribelli e jihadisti. 

Sulla difficile situazione in Siria è intervenuto il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson. I progressi del regime siriano nei quartieri orientali di Aleppo, in Siria, non sono "una vittoria per Assad o Putin", ha detto oggi alla Bbc. "Onestamente, penso davvero sia un errore pensare che tutto ciò che accade ad Aleppo e in altre zone controllate dai ribelli in Siria possa essere considerato una vittoria per Assad o per Putin", ha detto il capo della diplomazia britannica, secondo cui "è impossibile immaginare che il popolo siriano, che milioni di siriani vogliano scendere a patti con un regime guidato da Assad".

"Ci sono milioni di siriani che non lo accetteranno, che continueranno a combattere, quindi la soluzione migliore per il presidente Putin e le marionette che sostiene è venire al tavolo dei negoziati e firmare un accordo che liberi la Siria dal regime di Assad", ha aggiunto Johnson. Lanciata il 15 novembre, l'offensiva su Aleppo ha permesso finora alle forze governative di riconquistare circa il 60% della zona orientale controllata dai ribelli. (fonte Afp)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siria, raid russi nella provincia di Idlib: almeno 46 morti

Today è in caricamento