Sabato, 23 Ottobre 2021
Terrore / Norvegia

Con arco e frecce uccide 5 passanti: cosa sappiamo finora sulla strage

Paura a Kongsberg, città di 28mila abitanti nel sud-est della Norvegia: armato di arco e frecce, un uomo ha iniziato a prendere di mira i passanti. Ci sono diverse scene del crimine. L'assalitore è stato fermato

Paura e incubo terrorismo in Norvegia. Un uomo ha fatto una strage ieri sera a Kongsberg, città di 28mila abitanti nel sud-est della Norvegia: armato di arco e frecce, ha iniziato a prendere di mira i passanti: 5 morti, tra cui un agente in borghese, e due feriti in gravi condizioni. Tutto sarebbe successo nell'arco di mezz'ora.

La strage di Kongsberg

Le forze dell'ordine hanno arrestato l'aggressore dopo un breve scontro, ribadendo a più riprese che ha agito da solo ma continuando a passare al setaccio il centro della piccola città a 85 chilometri da Oslo con i cani, gli artificieri, due elicotteri e gli infrarossi per sorvegliare il fiume. A Kongsberg sono stati inviati rinforzi da tutto il Paese: non si esclude l'ipotesi dell'attentato terroristico, anche se secondo gli inquirenti è ancora troppo presto per affermarlo. E' ancora viva in Norvegia la paura per gli attentati di estrema destra del passato e ieri il pensiero è andato inevitabilmente alla strage di Utoya in cui Anders Behring Breivik uccise 77 persone. L'aggressore di Kongsberg aveva anche altre armi, tra cui un coltello, e aveva annunciato le sue intenzioni su un suo canale Youtube con immagini esplicite rimbalzate ora sui social, con foto che lo ritraevano, un giovane uomo sulla trentina, che si allenava al tiro con l'arco.

E' di nazionalità danese l'uomo fermato

E' di nazionalità danese il 37enne accusato di avere ucciso ieri cinque persone e di averne ferite altre due a Kongsberg. L'uomo, arrestato dalla polizia, vive nella stessa città dove ha compiuto il suo folle gesto e, secondo quanto riferito dalla polizia, dopo l'arresto è stato trasferito nella vicina Drammen dove sarà interrogato.

Mezz'ora di paura

La polizia ha ricevuto per la prima volta la notizia di un attacco intorno alle 18:13 ora locale: le autorità dopo le prime segnalazioni hanno chiesto ai residenti di rimanere in casa. La polizia ha fatto sapere che "ci sono state diverse scene del crimine": secondo alcune informazioni, un supermercato vicino a una zona residenziale e un dormitorio per studenti.  L'aggressore avrebbe lanciato l'assalto all'interno di un supermercato Coop Extra. Uno dei feriti è un agente di polizia fuori servizio che si trovava nel negozio in quel momento. Un portavoce della catena ha successivamente confermato un "grave incidente" nel negozio, aggiungendo che nessuno del personale è rimasto ferito fisicamente. Secondo quanto riferito, c'è stato uno scontro tra l'aggressore e la polizia prima di essere arrestato alle 18:47 ora locale.

Una donna che ha assistito ad alcuni degli attacchi, Hansine, ha detto a TV2 di aver sentito un rumore sordo, poi ha visto una donna mettersi al riparo e "un uomo in piedi all'angolo con frecce in una faretra sulla spalla e un arco in mano".

Non si esclude il terrorismo

Il primo ministro ad interim, Erna Solberg, ha descritto le notizie sull'attacco "orribili" e ha affermato che è troppo presto per speculare sul movente dell'uomo.  "Capisco che molte persone hanno paura, ma è importante sottolineare che ora la polizia ha il controllo della situazione", ha detto in una conferenza stampa in diretta tv.  Il primo ministro designato, Jonas Gahr Støre, che dovrebbe entrare in carica a breve, ha definito l'aggressione "un atto crudele e brutale".

Øyvind Aas, il capo della polizia di Kongsberg, non esclude il terrorismo. "Una persona ha eseguito queste azioni da sola", ha detto. “È naturale valutare se si tratti di un atto di terrorismo. Ma l'uomo non è stato ancora interrogato ed è troppo presto per giungere a una conclusione".

attacco supermercato Kongsberg-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con arco e frecce uccide 5 passanti: cosa sappiamo finora sulla strage

Today è in caricamento