rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
il dilemma / Sudafrica

Perché il Sudafrica non arresterà Putin

A fine agosto il vertice Brics. Sul presidente russo pende un mandato d'arresto per crimini di guerra da parte della Corte penale internazionale emesso lo scorso marzo. Ma per sollevre da ogni guaio diplomatico il presidente sudafricano, Putin ha deciso di non partecipare all'evento a Johannesburg

La partecipazione di Vladimir Putin al vertice Brics - di cui fanno parte Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica - che si terrà a fine agosto a Johannesburg, aveva creato un dilemma per il governo sudafricano di Cyril Ramaphosa. Perché sul presidente russo pende un mandato d'arresto per crimini di guerra da parte della Corte penale internazionale emesso lo scorso marzo. Ramaphosa aveva affermato che qualsiasi tentativo di arrestare Putin, quando visiterà il paese sudafricano il mese prossimo, equivarrebbe a una dichiarazione di guerra con la Russia. 

È quanto lui stesso ha scritto nero su bianco in una deposizione inviata al tribunale dell'Aja, dopo che il principale partito di opposizione, l’Alleanza democratica (Da), ha intentato un ricorso in un tribunale del paese sudafricano per costringere il governo a garantire l’arresto e la consegna di Putin, qualora partecipasse fisicamente al summit Brics. "La Russia ha chiarito che arrestare il presidente in carica sarebbe una dichiarazione di guerra. Sarebbe incoerente con la nostra Costituzione rischiare di entrare in guerra con la Russia", ha affermato Ramaphosa nella sua deposizione. Ma per sollevre da ogni guaio diplomatico il presidente sudafricano, Putin ha deciso di non partecipare all'evento in programma dal 22 a l 24 agosto a Johannesburg. La Russia sarà rappresentata dal ministro degli Esteri Sergei Lavrov, stando a quanto riferito l'ufficio del presidente della Repubblica del Sud Africa.

"Di comune accordo, il presidente Putin non parteciperà al vertice. La Federazione Russa sarà rappresentata dal ministro degli Esteri Sergei Lavrov", si legge nella nota ripresa dall'agenzia russa Ria Novosti.  All'evento parteciperanno, oltre al presidente del Paese ospitante, i leader della Repubblica Popolare Cinese, del Brasile e dell'India. 

Il dilemma si era scatenato perché pochi giorno dopo il mandato d’arresto per Putin, la ministra degli Esteri sudafricana Naledi Pandor ha dichiarato che il suo governo avrebbe consultato Mosca prima di prendere in considerazione qualsiasi azione, e le Forze armate del Paese africano hanno messo in chiaro che non avrebbero disposto alcun arresto ai danni del presidente russo qualora si presenti sul territorio. 

Non è la prima volta che la Cpi fa pressioni sul Sudafrica per arrestare un capo di Stato straniero. La stessa cosa accadde nel 2015, quando Pretoria non ottemperò al mandato di arresto emesso nei confronti dell’allora presidente sudanese Omar al Bashir, nonostante un'ordinanza del tribunale locale ne avesse ordinato l'arresto. Ramaphosa, per uscire dall'impasse diplomatico, pensa di organizzare il summit in modalità virtuale, così da evitare che il leader del Cremlino voli a Johannesburg.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché il Sudafrica non arresterà Putin

Today è in caricamento