Mercoledì, 3 Marzo 2021
Sudafrica

Il piano del Sudafrica per oscurare il sole

Per rimandare il Day Zero, il giorno in cui Città del Capo rimarrà senza acqua, alcuni scienziati hanno ideato un piano che sfiora la fantascienza

Foto di repertorio Ansa

Ci sarà un giorno, chiamato Day Zero, in cui a  Città del Capo, in Sudafrica, non ci sarà più acqua. Già nell'aprile del 2018 c'era andata vicina, poi le piogge provvidenziali avevano scongiurato la fine delle risorse idriche. Ma adesso, secondo gli esperti, il problema è soltanto rimandato: ''Se non faremo niente contro il riscaldamento climatico, la siccità tornerà, e nessuno potrà evitare il Day Zero''.

I ricercatori dell'Università di Città del Capo, in collaborazione con l'Università norvegese di Scienza e Tecnologia e il Centro Nazionale americano per la Ricerca Atmosferica hanno pubblicato uno studio che sfiora la fantascienza: iniettare nella stratosfera particelle di gas riflettenti e oscuranti in grado di attenuare i raggi del sole. L'effetto dovrebbe essere simile a quello che succede in caso di eruzione vulcanica: provocare uno strato di acido solforico nella stratosfera tale da diminuire la temperatura. 

La nebulizzazione della stratosfera tramite mongolfiere spaziali consentirebbe di limitare a meno di un grado e mezzo il riscaldamento. Questo stratagemma potrebbe ridurre del 90% il rischio che il Day Zero si verifichi entro il 2100, ma alcuni scienziati stanno già pensando ai rischi che possono  possono provocare queste interferenze sul sistema climatico globale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piano del Sudafrica per oscurare il sole

Today è in caricamento