rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
TIBET / Cina

Due compagni di classe si immolano per protesta contro Pechino

La duplice immolazione fa salire a 104 il numero dei tibetani che si sono suicidati col fuoco dal 2009

Due ragazzi tibetani di 17 e 18 anni si sono immolati nella città di Dzorge, nella provincia del Sichuan, sud-ovest della Cina. Rinchen, 17 anni, e Sonam Dargye, 18 anni, compagni di classe alle scuole elementari, hanno dato fuoco ai loro abiti e poi sono morti avvolti dalle fiamme, secondo quanto riporta l'associazione International Campaign for Tibet (ICT). La notizia è stata confermata anche da Free Tibet, un'altra organizzazione di difesa dei dirittti dei tibetani-

Le famiglie dei due ragazzi hanno potuto recuperare le loro spoglie, ma non è certo che possano celebrare il rito funebre tradizionale, generalmente impedito dalle autorità cinesi.

Ai piedi della regione autonoma cinese del Tibet, la provincia di Sichuan ospita una numerosa comunità di etnia tibetana. Nella stessa città di Dzorge, il 3 febbraio si era dato fuoco un monaco tibetano di 33 anni, Lobsang Namgyal, dopo aver gridato: "Lunga vita al Dalai Lama".

La duplice immolazione fa salire a 104 il numero dei tibetani che si sono suicidati col fuoco dal 2009 per protestare contro la repressione di Pechino. Almeno 22 di queste immolazioni sono state compiute da minorenni.
 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due compagni di classe si immolano per protesta contro Pechino

Today è in caricamento