rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Mondo Afghanistan

Afghanistan, l'Isis cacciato da Tora Bora: "La zona è stata riconquistata"

Poco più di una settimana fa Tora Bora era caduta nelle mani dello Stato Islamico. Nei combattimenti sono stati uccisi almeno 44 jihadisti

L'Isis perde terreno non solo in Iraq e Siria, dove le sue roccaforti Mosul e Raqqa stanno per "cadere", ma anche in Afghanistan.

L'operazione militare che ha portato alla riconquista da parte delle forze di sicurezza della strategica area di Tora Bora (Afghanistan orientale), che era stata occupata dall'Isis, ha avuto un bilancio di almeno 44 militanti uccisi e altri 22 feriti. Lo riferisce il portale di notizie Khaama Press.

Lo “Stato Islamico del Khorasan” è il gruppo jihadista formato da ex taleban pakistani che ha rotto con il Mullah Omar e la vecchia Al Qaeda di Ayman al-Zawahiri per aderire all'Isis. “Khorasan” è il termine che i jihadisti adoperano per intendere le regioni musulmane a Ovest dell’India dove sorge il Pakistan e la maggioranza dei seguaci di Hafiz Khan Saeed viene dall’area di Peshawar, al confine con l’Afghanistan.

Il comandante del 201/o Corpo d'armata dell'esercito 'Silab', generale Mohammad Zaman Waziri, ha precisato che i 44 combattenti dell'Isis sono stati uccisi durante l'operazione nel distretto di Pachir Aw Agam della provincia di Nangarhar, durata vari giorni.

Poco più di una settimana fa Tora Bora era caduta nelle mani dello Stato Islamico. La rete di grotte e tunnel dove nel 2001 si era rifugiato Osama Bin Laden era stata conquistata da un migliaio di militanti che hanno costretto alla fuga i talebani.

Il ministro della Difesa, Tariq Shah Bahrami, in una conferenza stampa di qualche giorno fa aveva riferito che dall'inizio dell'anno sono stati uccisi in Afghanistan 2.500 militanti dell'Isis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Afghanistan, l'Isis cacciato da Tora Bora: "La zona è stata riconquistata"

Today è in caricamento