rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
L'orrore / Stati Uniti d'America

Tortura e affama a morte la figliastra di 3 anni: "Crudeltà mai vista"

Una donna è stata condannata all'ergastolo per le sevizie alla piccola che lei odiava in quanto nata dal tradimento del compagno con un'altra donna

Torturò la figliastra di 3 anni, seviziandola e affamandola fino al punto da portarla alla morte. Adesso dovrà passare il resto della sua vita in galera, dopo che un giudice ha emesso una sentenza di ergastolo sostenendo che la donna avrebbe agito con una "crudeltà mai vista", contro la piccola che era ai suoi occhi sarebbe stata 'colpevole' di essere il frutto di un tradimento del suo compagno. È accaduto negli Stati Uniti, dove sotto processo è finita Laura Ramirez per aver affamato e maltrattato fisicamente la piccola Bella Seachrist, che è stata trovata morta nel giugno 2020.

La bambina pesava meno di 13 chili quando è stata trovata abbandonata nella vasca da bagno di una casa di Oakmont, in Pennsylvania. A Ramirez, 31 anni, è stato dato l'ergastolo senza condizionale. La donna era già stata giudicata colpevole di omicidio di primo grado in un processo tenutosi a luglio, insieme ad altri capi d'accusa tra cui aggressione aggravata, messa in pericolo del benessere di un bambino, costrizione illegale e cospirazione per commettere un omicidio. Come riporta il Daily Mirror le autorità locali hanno dichiarato che quando hanno trovato la bambina era così affamata che le sue ossa erano visibili attraverso la pelle. Anche i capelli le stavano cadendo a causa della malnutrizione.

In una dichiarazione il Dipartimento di polizia della contea di Allegheny ha affermato che "quando gli agenti e i paramedici sono arrivati, hanno trovato la bambina che appariva gravemente contusa e malnutrita. Gli agenti e i medici hanno eseguito misure di salvataggio e hanno trasportato la bambina in un ospedale della zona dove è stata dichiarata deceduta". Gli investigatori hanno concluso che Bella era stata picchiata, abusata sessualmente, legata, imbavagliata e rinchiusa in piccoli armadi bui. È morta per malnutrizione, mancata crescita a causa di una malattia cronica e ipoglicemia, oltre che per abusi e negligenza.

Il padre di Bella, Jose Eduardo Salazar-Ortiz, 32 anni, pure in precedenza era stato è stato condannato per omicidio di terzo grado, aggressione aggravata, messa in pericolo del benessere dei bambini e associazione a delinquere. La sorella di Ramirez, Alexis Herrera, di 23 anni, sarà processata a gennaio perché accusata di aver preso parte agli abusi. Sul suo cellulare sono stati trovati video e immagini delle sevizie. La madre naturale della piccola l'aveva mandata a vivere con il padre perché, diceva, non poteva permettersi economicamente di mantenerla.

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tortura e affama a morte la figliastra di 3 anni: "Crudeltà mai vista"

Today è in caricamento