Lunedì, 26 Luglio 2021
Mondo Spagna

Catalogna, Puigdemont chiede due mesi di tempo per trattare con Madrid

Il premier spagnolo Rajoy ha dichiarato la scorsa settimana che il governo centrale è pronto a prendere il controllo della regione autonoma se questa non farà un passo indietro

Carles Puigdemont,  presidente della Generalitat de Catalunya  ha chiesto due mesi di tempo a Madrid per trattare con il governo spagnolo dopo l'ultimatum lanciato dal premier spagnolo Mariano Rajoy sulla possibile dichiarazione di indipendenza della regione autonoma.

Il premier spagnolo ha dichiarato la scorsa settimana che il governo centrale è pronto a prendere il controllo della regione autonoma se questa non farà un passo indietro.

"Altri due mesi di dialogo"

Puigdemont propone una riunione d'urgenza con Rajoy e "quelle istituzioni e personalità internazionali, spagnole e catalane" che hanno chiesto di sospendere i risultati del referendum per esplorare la possibilità di negoziare, scrive La Vanguardia. La "priorità del mio governo è cercare con tutta la forza necessaria la via del dialogo", assicura il leader catalano.

Il capo del governo catalano si dice sicuro che una soluzione sarà trovata e chiede due mesi di tempo per trattare perché "il nostro principale obiettivo è fare appello al dialogo".

L'indipendenza "sospesa" della Catalogna

Puigdemont la scorsa settimana aveva detto di essere pronto a dichiarare la Catalogna "uno stato indipendente" dopo il referendum dell'1 ottobre, ma immediatamente dopo aveva lasciato il vero annuncio in sospeso per avviare negoziati con Madrid.

Il referendum può costare caro a Barcellona: "Via l'autonomia alla Catalogna"

I suoi annunci, ambigui, hanno evidenziato l'incertezza in cui versa la Catalogna e non hanno soddisfatto gli alleati separatisti che spingono per un netto distacco dal governo centrale.

L'Unione europea tiene d'occhio con preoccupazione gli sviluppi della situazione perché l'indipendenza della Catalogna potrebbe creare nuove tensioni nel blocco europeo che sta già trattando la difficile uscita della Gran Bretagna.

La tv catalana TV3 aveva reso noto che Puigdemont non aveva intenzione di rispondere "sì o no" a Rajoy sull'indipendenza oggi ma che avrebbe dato una risposta "più elaborata".

Rajoy chiude ad ogni negoziato: "La Spagna è indivisibile"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Catalogna, Puigdemont chiede due mesi di tempo per trattare con Madrid

Today è in caricamento