Venerdì, 24 Settembre 2021
MEDIO ORIENTE

Gaza, la tregua dopo la tempesta

E' in vigore dalle prime ore di sabato la tregua umanitaria di 12 ore concordata tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza, dove, in 18 giorni di combattimenti, sono morti circa 880 palestinesi, tra cui molti civili e bambini, e 37 soldati israeliani

TREGUA - entrata in vigore dalle 7 di questa mattina (le 8 ora locale) la tregua umanitaria di 12 ore concordata tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza, dove, in 18 giorni di combattimenti, sono morti circa 880 palestinesi, tra cui molti civili e bambini, e 37 soldati israeliani. Il segretario di Stato americano John Kerry è intanto arrivato a Parigi, dove questa mattina alle 11 parteciperà a una riunione internazionale sulla situazione a Gaza insieme ai ministri degli Esteri dei principali Paesi coinvolti.

LE CONDIZIONI - In una nota diffusa ieri sera, l'esercito israeliano conferma la "finestra umanitaria nella Striscia di Gaza dalle 8 alle 20", dettandone alcune condizioni. "I civili di Gaza ai quali è stato chiesto di lasciare le proprie case dovranno astenersi dal farvi ritorno", e "l'esercito risponderà se i terroristi tenteranno durante questo periodo di approfittarne per attaccare i soldati o sparare su civili israeliani". "Durante la tregua - aggiunge la nota - le attività operative per localizzare e neutralizzare i tunnel della Striscia di Gaza proseguiranno".

DIPLOMAZIA AL LAVORO - Diplomazia al lavoro per una tregua più consistente. Il ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shukri, ha chiesto una tregua umanitaria di sette giorni a Gaza per la festività musulmana dell'Eid al-Fitr, che ricorre la prossima settimana. "Chiediamo un cessate-il-fuoco umanitario...alla fine del mese sacro del Ramadan e dell'Eid al-Fitr per un periodo di sette giorni", ha detto il capo della diplomazia egiziana durante una conferenza stampa congiunta al Cairo con il segretario di stato americano John Kerry e il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. Shukri ha aggiunto che bisogna lavorare di più per raggiungere un accordo più ampio sul cessate-il-fuoco a Gaza.

NUOVA INTIFADA - La tensione resta altissima, corrispondenti delle principali testate internazionali raccontano che nella notte si sono viste scene da "nuova Intifada" da Betlemme a Hebron, passando da Gerusalemme. A Gerusalemme est le forze di sicurezza israeliane, documenta un fotografo dell' Afp, hanno aperto il fuoco rispondendo al lancio di proiettili. In un villaggio a sud di Betlemme - comunicano fonti della sicurezza palestinese - è stato ucciso un giovane palestinese di 16 anni. Un diciottenne è stato ucciso mentre protestava al checkpoint di Jalama, nel nord della Cisgiordania.

SOTTO LE MACERIE - Almeno 35 corpi senza vita sono stati recuperati dai servizi di soccorso palestinesi sotto le macerie nella Striscia di Gaza, dopo l'entrata in vigore alle 7 ora italiana della tregua umanitaria di 12 ore: lo hanno reso noto fonti della sicurezza palestinese. Tredici corpi sono stati recuperati a Shajaya, un sobborgo di Gaza, altri tredici nei campi profughi di Deir al-Balah e Nusseirat e nove a Beit Hanun, nel nord della Striscia. Il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi nel corso della giornata, mentre proseguono le operazioni di soccorso permesse dalla tregua di 12 ore.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gaza, la tregua dopo la tempesta

Today è in caricamento