rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
FRANCIA / Francia

Marsiglia, l'assalto al Tgv rovina la nuova immagine della città

Episodi di violenza danneggiano l'immagine della capitale europea della cultura nel 2013. Il problema non è solo di ordine pubblico, ma anche politico

Marsiglia, seconda città della Francia e capitale europea della cultura nel 2013, ha cambiato volto negli ultimi anni. Dimenticate la Marsiglia decadente, la capitale della Provenza battuta dal vento e dal sole, è una città affascinante, con le ripide montée che si inerpicano per i quartieri popolari in mezzo a case alte e screpolate che evocano film polizieschi anni Settanta. Marsiglia negli ultimi anni ha cominciato a liberarsi del cliché di degrado e malaffare che da decenni la caratterizzava grazie a un’operazione di rilancio culturale che lascia scoprire le sue bellezze. In uanto capitale della cultura si moltiplicano in questi mesi mostre, eventi, feste e inaugurazioni di musei.

Ma un episodio rischia di rovinare l'immagine dei piani di rilancio della città. Sabato scorso il macchinista del Tgv che viaggia da Marsiglia a Nizza, pochi metri oltre la stazione Saint-Charles, in direzione della periferia est della città, nota delle luci rosse sulla ferrovia. E’ un segnale di pericolo talvolta utilizzato dalla Sncf, le Fs francesi. Il convoglio si ferma e improvvisamente spuntano dal nulla 40 giovani. Non sono a viso coperto, né sono armati. Ma provano ad "assaltare il treno". Le porte sono bloccate, ma a bordo sono minuti di panico. Interviene la polizia francese, che viene attaccata con lanci di pietre dal gruppo di giovani. Il bilancio definitivo parla di otto denunciati e due ore di ritardo.
 
I fermati spiegano, lasciando a bocca aperta le forze dell'ordine, che si tratta di una sorta di "flash mob". L'assalto al treno avrebbe dovuto far parte di un videoclip del gruppo rap 11.43 della cité Bel Air della banlieue di Marsiglia. Kofs, cantante degli 11.43, si giusticia così: "Abbiamo pensato fare un clip nella cité. I giovani si sono lasciati andare salendo sui binari". Nel 2011 a Marsiglia un treno merci era stato bloccato nella banlieue nord, assaltato e tutti i vagani vennero depredati.

"Il problema di Marsiglia - scrive Alberto Mattioli sulla Stampa -  è anche quello di una città governata dalla destra in un dipartimento, una regione e un Paese governati dalla sinistra. Fra i pubblici poteri, insomma, è lotta continua. Infatti l’inossidabile, vulcanico, pittoresco (e simpaticissimo) sindaco della città, Jean-Claude Gaudin, di destra, ne ha subito approfittato per attaccare il governo socialista, accusato di fare molte promesse ma di mandare pochi rinforzi. Il tosto ministro dell’Interno, Manuel Valls, ha invece felicitato i suoi poliziotti per la prontezza nell’intervento e promesso la linea dura. Nell’attesa che si mettano d’accordo, un consiglio: se andate a Marsiglia, prendere l’aereo".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marsiglia, l'assalto al Tgv rovina la nuova immagine della città

Today è in caricamento