Venerdì, 24 Settembre 2021
Mondo Iran

Provocazione nucleare, Trump accusa: "Iran può essere la nuova Corea del Nord"

"Iran finanzia il terrorismo e rappresenta una minaccia per gli Usa e per il Mondo", Trump boccia l’accordo sul nucleare iraniano che aveva portato alla fine delle sanzioni. Stipulato a luglio 2015 e entrato in vigore a gennaio 2016, era considerato uno dei più importanti risultati ottenuti da Barack Obama

"L’accordo sul nucleare iraniano non è riuscito a raggiungere gli obiettivi per cui è stato sottoscritto". L’annuncio dell’amministrazione Trump che ora vuole rimettere mano ai patti stipulati con Teheran e sottoporli a verifica entro 90 giorni rappresenta un nuovo, significativo passo con cui la Casa Bianca taglia i ponti dalla precedente amministrazione Obama.

Come con la Nord Corea “gli Stati Uniti vogliono evitare di mostrare per la seconda volta che la pazienza strategica è un approccio fallimentare”, ha detto Tillerson in una conferenza stampa, riferendosi all’approccio di Barack Obama, più volte definito da Donald Trump fallimentare.

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha inoltre annunciato che gli Stati Uniti faranno una “revisione completa” delle loro politiche con l’Iran, avvertendo che lasciare il Paese “senza un controllo” potrebbe aumentare le minacce nel mondo e portare verso una nuova Corea del Nord.

Martedì parlando al Congresso, il capo della diplomazia Usa ha ricordato che la Casa Bianca sta valutando se uscire dal patto sul nucleare firmato con l’Iran nel 2015 insieme a Russia, Francia, Regno Unito, Cina e Germania. L’amministrazione Trump infatti sostiene che il Paese sta continuando a sostenere il terrorismo.

La revisione "punta a verificare se l'Iran ha rispettato o meno la sua parte dell'accordo e per determinare quali consigli dare al presidente su come procedere" sulla gestione dell'intesa, ha spiegato Spicer durante il briefing.

LE SANZIONI

Stipulato a luglio 2015 e entrato in vigore a gennaio 2016, l’accordo sul nucleare iraniano che aveva portato alla fine delle sanzioni era considerato uno dei più importanti risultati ottenuti da Barack Obama. Sempre Il segretario di Stato Rex Tillerson ha riferito comeTrump abbia ordinato al Consiglio per la Sicurezza Nazionale di valutare se la revoca delle sanzioni per il programma nucleare di Teheran - prevista dall'accordo del 2015 - sia o meno "vitale agli interessi di sicurezza degli Stati Uniti".

Il Segretario di Stato Americano Rex Tillerson: “È chiaro, le azioni provocatorie dell’Iran rappresentano una minaccia per gli Stati Uniti, per la regione e per il mondo". L’accordo sul nucleare iraniano aveva portato alla fine delle sanzioni. Stipulato a luglio 2015 e entrato in vigore a gennaio 2016,

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocazione nucleare, Trump accusa: "Iran può essere la nuova Corea del Nord"

Today è in caricamento