Martedì, 3 Agosto 2021

Ecatombe in Indonesia, sisma e tsunami fanno oltre 830 morti

L'ultimo bilancio del sisma seguito da uno tsunami che ha colpito l'isola indonesiana di Sulawesi è di almeno 832 morti. Ma le autorità temono che possa essere ancora più pesante. Alcune zone, infatti, non sono ancora state raggiunte dai soccorsi

Il numero più alto di vittime è stato registrato a Palu, città che conta circa 350.000 abitanti, sulla costa occidentale dell'isola, dove dopo la scossa del 28 settembre di magnitudo 7.5 sono arrivate onde alte 1,5 metri. Volontari hanno montato tende per gli sfollati e organizzato gli aiuti di prima emergenza per assicurare riparo e cibo a chi ha perso tutto.

Il governo dell'Indonesia ha lanciato un appello per ottenere aiuti internazionali. Il presidente indonesiano Joko Widodo ha visitato le aree colpite dal disastro per portare un po' di conforto e assicurare l'impegno per la ricostruzione. Decine di agenzie umanitarie e organizzazioni non governative si sono dette pronte a fornire assistenza d'emergenza dopo la catastrofe. Intanto, per seppellire le centinaia di vittime sono state organizzate delle fosse comuni.

Il terremoto che ha scosso l'Indonesia ha favorito l'evasione di 769 detenuti, fuggiti da due diversi carceri sull'isola di Sulawesi. Il sisma ha danneggiato i penitenziari nelle aree di Palu e Donggala, favorendo la fuga di massa. Le guardie presenti nelle strutture non hanno potuto ostacolare le maxi-evasioni. Il ministro della Sicurezza, Wiranto, ha reso noto che le autorità hanno diramato "un ultimatum: hanno una settimana per consegnarsi", ha detto riferendosi ai detenuti. Il ministro ha ammesso che, al momento, la caccia agli evasi non rappresenta una priorità nel paese alle prese con le drammatiche conseguenze del terremoto e del successivo tsunami.

Si parla di

Video popolari

Ecatombe in Indonesia, sisma e tsunami fanno oltre 830 morti

Today è in caricamento