Mercoledì, 27 Ottobre 2021
TURCHIA

Turchia sotto attacco, assalto armato alla sede del partito di Erdogan

Un uomo armato è penetrato in una sede del partito islamico Akp del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. L'azione arriva a poche ore di distanza dal sequestro del giudice Mehmet Selim Kiraz, finita in un bagno di sangue dopo il blitz delle forze di sicurezza

Un uomo armato è penetrato in una sede del partito islamico Akp del presidente turco Recep Tayyip Erdogan nel quartiere di Kartal, a Istanbul. Lo ha riferito il quotidiano Hurriyet online. In queste ore la tv turca sta trasmettendo filmati l'uomo che espone una bandiera da una finestra dell'edificio. Nel giro di pochissimo tempo, le forze speciali turche sono entrate nella sede dell’Akp e hanno arrestato l'autore dell'assalto. Non ci sono stati feriti.

Poco prima, nella stessa mattinata di mercoledì, la polizia turca aveva arrestato ad Antalya 22 attivisti sospettati di preparare altri attacchi analoghi. Secondo l’agenzia Dogan, sarebbero vicini al Dhkp-C (Partito-Fronte rivoluzionario di liberazione del popolo), un'organizzazione turca di ispirazione marxista-leninista fondata nel 1978.

E' invece finito in un bagno di sangue il blitz delle forze di sicurezza lanciato per tentare di liberare il giudice sequestrato ieri da due militanti del gruppo di estrema sinistra. Mehmet Selim Kiraz è morto all'arrivo in ospedale a Istanbul. Si è concluso così il drammatico blitz nel tribunale di Istanbul, con cui i due giovani militanti del Partito-Fronte Rivoluzionario per la Liberazione del Popolo (Dhkp-C) intendevano 'vendicare' la morte del quindicenne Berkin Elvan, manifestante quindicenne, ucciso da un lacrimogeno sparato dalle forze speciali turche durante le manifestazioni anti-governative di Gezi Park. Il pm preso in ostaggio, infatti, aveva in carico il fascicolo sull'uccisione del giovannissimo Elvan. 

Secondo alcune fonti, il magistrato, arrivato gravemente ferito in ospedale, sarebbe morto durante un intervento. Oggi la stampa turca riporta le dichiarazioni dei medici, secondo i quali Kiraz è arrivato al pronto soccorso senza possibilità di essere salvato: "Non respirava più e il suo cuore aveva smesso di battere", è scritto sul bollettino medico emesso dopo la sua morte. Lo stesso presidente Recep Tayyip Erdogan, che ha difeso la decisione di lanciare il blitz finito nel sangue, congratulandosi con le forze speciali, ha detto che il pm è stato colpito da cinque pallottole, tre in testa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turchia sotto attacco, assalto armato alla sede del partito di Erdogan

Today è in caricamento