rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
TURCHIA / Turchia

Turchia, bloccato aereo di linea siriano

Ankara ha costretto il velivolo all'atterraggio: secondo le autorità trasportava un "carico sospetto". Tensioni anche con Mosca

Continua a salire la tensione tra Ankara e Damasco. Questa notte un aereo di linea siriano è stato costretto ad atterrare in territorio turco, perchè sospettato di trasportare “un carico non civile”. 

“Siamo determinati a controllare il trasferimento di armi verso un regime che sta compiendo massacri brutali contro i civili. E' inaccettabile che trasporti come questo avvengano usando il nostro spazio aereo” ha commentato il ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu, come scrive la Bbc.

L'aereo, un Airbus A320 che volava sulla rotta Mosca-Damasco, è stato fatto atterrare all'aeroporto Esenboga di Ankara, dove è rimasto per circa 9 ore. Il velivolo è poi stato fatto ripartire, ma gli agenti di sicurezza hanno fatto sapere di aver sequestrato un carico sospetto, trovato a bordo. 

“Sull'aereo c'era del materiale illegale che avrebbero dovuto segnalare” ha spiegato Davutoglu, come scrive Le Figaro. Ancora non è stato reso noto cosa ci fosse effettivamente a bordo del velivolo. Secondo quanto riportato dal quotidiano francese, potrebbe trattarsi di pezzi di missili o materiale di “comunicazione”, diretto alle forze del presidente Bashar al Assad.

Tensioni con Mosca - A bordo del velivolo si trovavano 35 passeggeri, di cui 17 di nazionalità russa. Non sono quindi mancati momenti di tensione anche con Mosca. “L'ambasciata russa in Turchia si è immediatamente rivolta al ministero degli Esteri turco chiedendo delle spiegazioni” ha fatto sapere una fonte vicino al Cremlino. Secondo quanto riferito dall'agenzia Iter-Tass, i diplomatici russi si sono recati all'aeroporto, ma non gli è stato consentito di incontrare i propri connazionali. 

Lo stesso ministro dei Trasporti siriano proprio in queste ore avrebbe accusato Ankara di aver compiuto un vero e proprio "atto di pirateria".  

Sono ormai 19 mesi che in Siria infuriano le violenze. Ankara, che non ha mai fatto mistero della propria posizioni, in più occasioni ha chiesto le dimissioni di Assad. Nelle ultime settimane i rapporti tra i due Paesi sono peggiorati anche a causa di alcuni incidenti avvenuti lungo la frontiera: alcuni colpi di mortaio lanciati dal territorio siriano hanno colpito ed ucciso 5 cittadini turchi, provocando la reazione di Ankara, che ha risposto con colpi di artiglieria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turchia, bloccato aereo di linea siriano

Today è in caricamento