rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Guerra in Ucaina / Ucraina

Bombe russe sulla città di Zelensky: ci sono morti e feriti

I missili lanciati dalle forze armate di Putin hanno colpito un quartiere residenziale di Kryvyi Rih, città natale del presidente ucraino. Il bilancio provvisorio è di sei morti e 25 feriti, ma secondo le autorità locali ci sarebbero diverse persone sotto le macerie

Nella notte i bombardamenti russi hanno preso di mira un quartiere residenziale nella città di Kryvyi Rih, città natale del presidente Volodymyr Zelensky, provocando la morte di diversi civili. Serhiy Lysak, governatore militare della regione, ha riferito su Telegram della presenza di "morti e feriti": "Un altro atto terroristico dei russi che prende di mira il settore residenziale. Di notte. Insidioso. Crudele".

Il bilancio dell'attacco è di almeno sei morti e 25 feriti, denunciano le autorità locali. Secondo Lysak "tre missili da crociera sono stai abbattuti", ma altri no e "sono stati danneggiati obiettivi civili". "Sei delle persone che si trovavano in un palazzo di cinque piani sono state uccise e 25 persone sono rimaste ferite, 19 delle quali - stando all'aggiornamento - sono ora ricoverate in ospedale". Secondo il sindaco Oleksandr Vilkul, i missili avrebbero colpito un edificio di cinque piani: "Ci sono persone ferite in condizioni estremamente gravi e probabilmente ci sono anche dei cittadini intrappolati sotto le macerie".

Anche Mykhailo Podolyak, consigliere del capo dell'ufficio del presidente ucraino, ha denunciato l'attacco su Twitter: "Kryvyi Rih. Colpito un palazzo con appartamenti. Sei morti e 25 feriti, un numero imprecisato di persone sotto le macerie. E questo genere di cose accadono ogni notte. Perché la Federazione russa sta platealmente distruggendo l'Ucraina. Capisco che seduti a migliaia di chilometri di distanza dall'Ucraina si possa parlare di 'geopolitica', di 'accordo'. E permettere la furia del 'mondo russo'. Ma le decisioni chiave dovranno comunque esser prese e la Russia è destinata a perdere e a sedersi sul banco degli imputati".

Non è la prima volta dall'inizio del conflitto che la città di Kryvyi Rih, città natale di Zelensky, finisce sotto attacco, come denunciato in un tweet dallo stesso presidente ucraino: "Altri missili terroristici, gli assassini russi continuano la loro guerra contro edifici residenziali, città e persone normali. Purtroppo ci sono morti e feriti - aggiunge Zelensky - Continuano le operazioni dei soccorritori a Kryvyi Rih". Con le condoglianze "a tutti coloro che hanno perso i loro cari", il presidente ucraino ripete che "i terroristi russi non saranno mai perdonati e dovranno rispondere per ogni missile lanciato".

Intanto le forze armate ucraine denunciano anche attacchi russi con missili lanciati nelle ultime ore in direzione della zona della capitale Kiev. Secondo quanto riferito su Telegram dall'amministrazione militare della città e riportato da Ukrinform, "nell'attacco su Kiev il nemico ha utilizzato missili da crociera Kh-101/555, solitamente lanciati dai bombardieri strategici Tu-95Ms dall'area del Mar Caspio" ma "tutti gli obiettivi nemici sono stati intercettati e distrutti dalle forze di difesa aerea nello spazio aereo intorno a Kiev". Nella notte, le forze russe hanno anche lanciato i droni d'attacco unidirezionali Shahed, di fabbricazione iraniana, su Charkiv, colpendo un'impresa industriale civile entro i confini della città.

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bombe russe sulla città di Zelensky: ci sono morti e feriti

Today è in caricamento