rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
il panico

"L'Ucraina ha lanciato un'invasione dei territori russi", ma l'annuncio di Putin è falso

Una smentita è arrivata anche dalle autorità di Belgorod, che hanno parlato di falso messaggio "per seminare il panico fra la popolazione".

Mentre le autorità russe hanno fatto sapere di aver respinto "un'offensiva su larga scala" delle forze ucraine nel Donetsk (ma da Kiev parlano di "versione delirante"), il presidente russo Vladimir Putin avrebbe lanciato una mobilitazione generale a causa di un'invasione ucraina in territorio russo al confine con l'Ucraina. Ma si tratta di una dichiarazione mai pronunciata dal leader russo. 

Nella notte tra il 4 e il 5 giugno, alcune emittenti radio che trasmettono nelle regioni russe di Rostov, Belgorod e Voronezh hanno mandato in onda "un appello di Putin", che invitava la popolazione a evacuare nell'entroterra per via dell'"invasione dell'esercito ucraino" e che annunciava la mobilitazione. Le autorità locali e il Cremlino si sono però affrettate a sostenere che si tratta di un falso. Una smentita è arrivata anche dalle autorità di Belgorod, che hanno parlato di falso messaggio "per seminare il panico fra la popolazione".

La stazione radiotelevisiva russa, la Mir, sarebbe finita nel mirino degli hacker, che hanno compiuto due attacchi: uno ha portato alla diffusione di un falso messaggio del presidente Vladimir Putin sulla dichiarazione della mobilitazione generale, mentre in un altro è stato mostrato un video di propaganda ucraino. 

I partigiani russi filo-ucraini seminano il caos in Russia, Kiev: "Osserviamo la fine di Putin"

Nel primo filmato si sente la voce di Putin dire che le forze ucraine, con l'appoggio degli Stati Uniti, hanno invaso le regioni di Kursk, Belgorod e Bryansk, dove è stato proclamata la legge marziale. Il falso presidente annuncia poi che entro oggi firmerà un decreto per la mobilitazione generale. "Russi, cittadini, fratelli e sorelle. Oggi alle 04:00 le truppe ucraine, armate dal blocco della Nato, con il sostegno di Washington, hanno invaso i territori degli oblast di Kursk, Belgorod e Bryansk. Le nostre guardie di confine e forze armate stanno coraggiosamente combattento contro le forze prevalenti degli aggressori. La legge marziale è stata imposta su mio ordine nei territori di Kursk, Belgorod e Bryansk. Oggi firmerò un'ordine per la mobilitazione generale, perché dobbiamo unire tutte le forze della Federazione Russa per sconfiggere un nemico pericoloso e astuto", afferma il falso Putin, in un discorso diretto alle popolazioni degli oblast "invasi", che sono invitate a lasciare le loro case e rifugiarsi "in profondità nella Russia".

Nella Crimea, annessa dalla Russia, alcune televisioni via cavo, tra cui Pyatnitsa e Rossiya, hanno trasmesso un video realizzato dal ministero della Difesa ucraino in cui si invita a mantenere il silenzio sui tempi e il programma dell'annunciata controffensiva: lo riferisce Current Time, la televisione di Radio Free Europe, secondo la quale il video era stato in precedenza postato sugli account dei social media del ministero della Difesa di Kiev. Nel video si vede un militare ucraino mettere il dito indice sulla bocca per invitare a non parlare. "I piani vogliono il silenzio, non ci sarà alcun annuncio dell'inizio", è il messaggio. 

Le azioni sul campo diventano sempre più violente. Kiev da mesi prepara questa controffensiva, con la speranza di recuperare i territori finiti sotto il controllo della Russia dopo l'inizio dell'invasione, avvenuto il 24 febbraio dello scorso anno. Intanto, nella giornata di ieri, domenica 4 giugno, le forze russe hanno respinto un tentativo di incursione nella regione di Belgorod, come sottolineato dal ministero della Difesa russo. L'Ucraina ha confermato oggi 5 giugno che sta conducendo "azioni offensive" in alcuni settori del fronte, rivendicando successi vicino alla città orientale di Bakhmut. "Il settore Bakhmut rimane l'epicentro delle ostilità. Stiamo avanzando su un fronte abbastanza ampio. Stiamo ottenendo successi", ha detto il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Maliar su Telegram.

Mosca: "Respinta un'operazione su larga scala di Kiev". Inizia la missione di pace del Vaticano

L'Ucraina dal canto suo non ha mai nascosto che l'obiettivo è riconquistare i territori perduti e per questo prepara una controffensiva su vasta scala. "Il terrorismo russo deve essere sconfitto ogni giorno e ogni notte, in ogni regione dell'Ucraina, nei cieli di ogni città e villaggio dell'Ucraina" ha detto oggi Zelensky in un messaggio di incoraggiamento alla nazione postato su Telegram. "Quando ogni attacco dei terroristi russi sarà fallito, le loro sconfitte saranno fonte di sicurezza a lungo termine".

Quanto alla controparte, dall'inizio del conflitto a oggi la linea di Putin non è mai cambiata: la Russia deporrà le armi solo quando Kiev accetterà le condizioni imposte dal Cremlino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Ucraina ha lanciato un'invasione dei territori russi", ma l'annuncio di Putin è falso

Today è in caricamento