rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
"Momento storico"

Per Ucraina e Moldavia comincia il lungo cammino verso l'Europa

A Bruxelles la parola più in voga è "momento storico", dopo il vertice del Consiglio europeo di oggi 23 giugno

E' un giorno di festa per l'Unione Europea. Il Consiglio Europeo ha dato formalmente il via libera alla concessione a Ucraina e Moldavia di Paesi candidati all'ingresso nell'Ue, sulla base delle raccomandazioni della Commissione. A Bruxelles la parola più in voga è "momento storico", dopo il vertice del Consiglio europeo di oggi 23 giugno, chiamato a ratificare la richiesta della Commissione di concedere lo status di Paese candidato all'Ue per l'Ucraina e Moldavia. 

Luce verde anche alla "prospettiva europea" per la Georgia, ma l'Ue è pronta a garantirle lo status di Paese candidato una volta che verraNno fatte le riforme richieste. I capi di Stato e di governo non sono riusciti a superare lo scoglio sulla candidatura di Albania e Macedonia del Nord, a causa dei veti incrociati. La questione è complessa: i due paesi dei Balcani, dopo anni di riforme, non riescono ad ottenere l'apertura dei negoziati per l'adesione a causa del blocco della Bulgaria, che sbarra la strada a Skopje per questioni identitarie.

La notizia, che aveva fatto tremare Kiev, è stata accolta con gioia dal leader ucraino. Il presidente Volodymyr Zelensky, collegato in live alla sala del Consiglio Europeo a Bruxelles dopo il voto positivo allo status di candidato, ha definito quello di oggi "un momento unico e storico" e ha ringraziato i leader europei per il sostegno. "Il futuro dell'Ucraina è all'interno dell'Ue", ha aggiunto.

Non nascondono l'entusiamo il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, che tramite twitter hanno fatto i complimenti a Volodymyr Zelensky e Maia Sandu per questo ingresso storico. 

"Oggi è un buon giorno per l'Europa. Congratulazioni al Presidente Volodymyr Zelensky, alla presidente Maia Sandu e al primo ministro Irakli Garibashvili. I vostri Paesi fanno parte della nostra famiglia europea. E la storica decisione odierna dei leader lo conferma", ha scritto in un tweet la presidente  Von der Leyen.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Ucraina e Moldavia comincia il lungo cammino verso l'Europa

Today è in caricamento