Giovedì, 15 Aprile 2021
Stati Uniti d'America

Usa, prime vittime nelle manifestazioni per la morte di Floyd

Un morto a Detroit: è un 19enne ucciso dai colpi d'arma da fuoco sparati da qualcuno all'interno di un Suv. Un agente preposto alla sicurezza degli edifici federali è rimasto ucciso a Oakland

Proteste a Washington per l'uccisione di Floyd, l'agente accusato dell'omicidio è stato arrestato Foto: Ansa Epa

Altissima tensione negli Usa. Diverse persone sono state arrestate a Minneapolis, epicentro delle proteste per la morte di George Floyd, l'uomo afroamericano deceduto dopo un fermo di polizia, dove i manifestanti hanno violato il coprifuoco e l'ordine di disperdere le proteste. Lo scrive la Cnn che riporta anche di spari contro gli agenti nei pressi del quinto distretto dove sono stati inviati 350 soldati per garantire l'ordine. Secondo l'Associated Press il Pentagono ha ordinato all'esercito di attivare per l'intervento alcune unità di polizia militare a Minneapolis, dove si svolgono le proteste per la morte dell'afroamericano George Floyd, come in molte città americane. "Chiedo ai residenti di rispettare il coprifuoco e di andare a casa immediatamente - ha scritto in un tweet il governatore del Minnesota, Tim Walz - Gli agenti devono rispondere alle emergenze, ripristinare l'ordine e garantire la sicurezza degli abitanti del Minnesota".

La decisione del Pentagono ha pochi precedenti analoghi. Casa Bianca blindata mentre sono in corso delle proteste a Washington contro l'uccisione di Floyd da parte della polizia. I manifestanti  sono arrivati fino ai cancelli dell'edificio a Pennsylvania Avenue, alla Casa Bianca è scattato il lockdown. C'è la prima vittima nelle manifestazioni per la morte di George Floyd. A Detroit un uomo è rimasto ucciso dai colpi d'arma da fuoco sparati da qualcuno all'interno di un Suv in direzione dei dimostranti. Lo ha reso noto la portavoce del dipartimento di polizia della città del Michigan, secondo cui l'incidente è avvenuto ieri sera alle 23.30 ora locale nei pressi del distretto di Greektown, dove si sono registrati scontri tra manifestanti e agenti. La vittima è un 19enne che è stato dichiarato morto al suo arrivo in ospedale.

Un agente preposto alla sicurezza degli edifici federali è rimasto ucciso da colpi esplosi, durante le proteste la notte scorsa ad Oakland, dopo la morte di George Floyd. Lo ha reso noto la polizia della città californiana, precisando che un secondo agente dei Federal Protective Service è rimasto ferito, secondo quanto riporta la Cnn. I due agenti erano di servizio di fronte l'edificio federale nel centro di Oakland quando "sono stati colpiti da colpi d'arma da fuoco, purtroppo uno di loro è morto a causa della ferite riportate", ha dichiarato la polizia locale. 

Giornalista arrestato in diretta dalla polizia durante le proteste a Minneapolis dopo la morte di George Floyd

Proteste anche ad Atlanta, in Georgia, dove i manifestanti nella notte hanno attaccato il quartier generale della Cnn lanciando oggetti contro gli agenti di polizia disposti all'ingresso della sede dell'emittente. Manifestazioni anche a New York, dove i manifestanti sostengono che sia stata la polizia ad alzare la tensione in piazza: diversi arresti a Brooklyn.

Morto George Floyd, l'agente è stato arrestato

E' stato arrestato l'ex poliziotto coinvolto nella morte di George Floyd. Lo ha annunciato John Mark Harrington, il capo del dipartimento della pubblica sicurezza del Minnesota. Derek Chauvin è l'agente che ha tenuto per oltre cinque minuti il ginocchio premuto sul collo del 46enne afroamericano che continuava a dire che non riusciva a respirare. Chauvin è stato accusato formalmente di omicidio e omicidio colposo, ha riferito il procuratore della contea Odi Hennepin, Mike Freeman, nel corso di una conferenza stampa.

Chauvin è stato arrestato ieri, dopo essere stato licenziato con tre colleghi, dopo la morte di Floyd. Soddisfatta l'ex candidata democratica alla Casa Bianca e senatrice del Minnesota, Amy Klobuchar, che in un tweet conferma Chauvin "è stato arrestato ed è detenuto per l'omicidio di Floyd, è un primo passo verso la giustizia". La stampa Usa ha riportato che Chauvin nei suoi 19 anni al dipartimento aveva ricevuto almeno una decina di denunce per il suo comportamento, senza che fosse mai avviato nei suoi confronti nessun procedimento disciplinare, tranne in un solo caso una lettera di richiamo.

Usa, ancora proteste per la morte di George Floyd: Trump minaccia l'uso della forza

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usa, prime vittime nelle manifestazioni per la morte di Floyd

Today è in caricamento