Lunedì, 18 Ottobre 2021
Stati Uniti / Stati Uniti d'America

Usa, pescato tonno radioattivo di Fukushima

I pesci contaminati sono stati trovati a largo delle coste della California, ma secondo gli esperti il loro consumo non sarebbe dannoso per la salute

A più di un anno dall'incidente avvenuto nella centrale nucleare di Fukushima, continuano ad essere rilevati danni ambientali. Questa volta ad essere stati contaminati sono alcuni esemplari di tonno pinna blu, pescati a largo delle coste della California.

Gli scienziati hanno dichiarato che questi pesci sono commestibili, e che il loro consumo non è dannoso per la salute. Tuttavia questa scoperta mostra come le specie migratorie possano trasportare materiale inquinante anche attraverso lunghe distanze. 

“Per noi si tratta di una lezione su come i vari ecosistemi siano interconnessi, anche quando sono separati da migliaia di chilometri” ha dichiarato alla Bbc Nicholas Fisher, professore di scienze marine presso la Stony Brook University di New York.

Lo studio, presentato nel Proceeding of the National Academy of Sciences, è stato portato avanti da un team di studiosi. Fisher e i suoi colleghi hanno analizzato i tessuti muscolari di alcuni esemplari di tonno pinna blu, pescati nelle acque di San Diego, negli Stati Uniti, nell'agosto del 2011. 

I pesci mostravano tassi elevati di cesio radioattivo, in particolare degli isotopi cesio-134 e cesio-137. Il team ha fatto quindi delle analisi anche su alcuni esemplari di tonno pinna gialla, senza però riscontrare un cambiamento significativo rispetto a quanto rilevato prima dell'incidente nella centrale nucleare giapponese di Fukushima. 

Il livello di radioattività riscontrato nel tonno pinna blu è comunque al di sotto dei limiti di sicurezza, e il consumo di questo pesce non causerebbe danni alla salute. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usa, pescato tonno radioattivo di Fukushima

Today è in caricamento