Domenica, 28 Febbraio 2021
Francia

Marsiglia, spunta il video del palazzo di Simona pochi minuti prima del crollo

Un video girato da un residente solo un quarto d'ora prima del disastroso cedimento strutturale mostra chiari segni della deformazione in corso nel palazzo sotto le cui macerie ha perso la vita anche la giovane italiana. Otto le vittime

Nel crollo di un palazzo nel cuore di Marsiglia ha perso la vita, la scorsa settimana, l'italiana Simona Carpignano. Un video girato da un residente solo un quarto d'ora prima del disastroso cedimento strutturale mostra chiari segni della deformazione in corso nel palazzo: crepe formatesi nel corso della notte, calcinacci e porte che non si aprono più.

Abdelghani Mouzid si è salvato perché si era recato proprio in quel momento a denunciare il rischio secondo lui imminente. Nel crollo hanno perso la vita tutte le persone che in quel momento si trovavano nei loro appartamenti: in tutto otto vittime.  Il filmato è stato girato alle ore 8.49: doveva servire per dimostrare all'amministratore condominiale, a pochi isolati di distanza in rue Grigna, quale fosse la situazione nello stabile al numero 65 di rue d'Aubagne.

Soltanto dieci minuti dopo che Mouzid era uscito di casa, il palazzo è crollato: "Ho immediatamente chiamato la mia famiglia per assicurare che ero vivo. Non mi ritengo miracolato, ma molto fortunato", ha detto ai giornali locali. Il video è stato acquisito dagli inquirenti.

Chi era Simona Carpignano

Simona Carpignano, trentenne originaria di Taranto, viveva in Francia per continuare gli studi e trovare un lavoro stabile. Si era trasferita a Marsiglia circa sei mesi fa, dopo un periodo trascorso a Parigi, e viveva al terzo piano di uno degli edifici venuti giù lunedì mattina come un castello di sabbia (per cause ancora da accertare) nel quartiere popolare di Noailles.

Si era laureata in lingue all'università del Salento e successivamente aveva deciso di trasferirsi in Francia. Si era stabilita a Marsiglia con l'obiettivo di specializzarsi. In Francia aveva conseguito un master, una seconda laurea e aveva trovato un'occupazione "temporanea" come interprete. Amante della musica, del reggae, come testimoniano i suoi dreadlocks, e della Capoeira, sul suo profilo social si raccontava così: "Never Regret, Never Forget, The Gift From Above, Unconditional Love! O Maior é Deus Pequeno so eu!" ("Mai rimpiangere, mai dimenticare, il dono dall'alto, l'amore incondizionato. Dio è il più grande, io sono piccolo!").

crollo marsiglia-2

Foto EPA/GUILLAUME HORCAJUELO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marsiglia, spunta il video del palazzo di Simona pochi minuti prima del crollo

Today è in caricamento