Giovedì, 28 Ottobre 2021
Mondo

Zika, la nota del Ministero: "Non andate in Sudamerica se siete incinte"

Il ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure di prevenzione e controllo dell'infezione, insieme a una serie di raccomandazioni per chi si reca o proviene da Paesi infetti. Si ritiene necessario "consigliare alle donne incinte, e a quelle che stanno cercando una gravidanza, il differimento di viaggi non essenziali verso tali aeree"

Zika fa sempre più paura e in Italia sono già quattro i casi accertati di persone colpite dal virus trasmesso attraverso le zanzare del genere Aedes. Il ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure di prevenzione e controllo dell'infezione che, oltre a fare il punto sulla situazione internazionale, fornisce anche una serie di raccomandazioni per chi si reca o proviene da Paesi infetti.

ALLERTA MONDIALE - Il virus Zika "si sta diffondendo in maniera dirompente", ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della Sanità, che ha convocato una riunione d'emergenza sull'aumento dei contagi, soprattutto in Brasile, e ha annunciato una task force "di livello mondiale" per studiare le possibili drammatiche complicanze del virus. Zika è sospettato di essere responsabile di un picco nelle nascite di bambini affetti da microcefalia in Brasile. Diversi paesi sudamericani hanno chiesto alle donne di rimandare i loro progetti di fare un figlio.

DONNE INCINTE - Sebbene l'OMS al momento non raccomandi l'applicazione di restrizioni di viaggi e movimenti internazionali verso le aree interessate da trasmissione di virus Zika, il ministero ha ritenuto opportuno "consigliare alle donne incinte, e a quelle che stanno cercando una gravidanza, il differimento di viaggi non essenziali verso tali aeree".

I CONSIGLI DEL MINISTERO - Il ministero ha disposto l'affissione di un poster in corrispondenza dei punti di ingresso internazionali (porti ed aeroporti aperti al traffico internazionale) e vuole informare tutti i viaggiatori verso le aree interessate da trasmissione diffusa di virus Zika o in cui sono segnalati casi di infezione da tale virus, di adottare le misure di protezione individuale per prevenire le punture di zanzara. La nota consiglia anche ai soggetti affetti da malattie del sistema immunitario o con gravi patologie croniche, il differimento dei viaggi o, quantomeno, una attenta valutazione con il proprio medico curante prima di intraprendere il viaggio verso tali aree. Si raccomanda inoltre ai donatori di sangue, che abbiano soggiornato nelle aree dove si sono registrati casi autoctoni d'infezione di virus Zika, di attenersi al criterio di sospensione temporanea dalla donazione per 28 giorni dal ritorno da tali aree, nell'ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale. 

BIGLIETTI AEREI RIMBORSATI - Intanto due compagnie aeree dell'America latina - la Latam e la cilena Sky - hanno proposto di rimborsare il biglietto alle donne incinte che hanno rinunciato a recarsi nel continente per paura di essere contagiate dal virus Zika.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zika, la nota del Ministero: "Non andate in Sudamerica se siete incinte"

Today è in caricamento