Sabato, 24 Luglio 2021
Mondo Cuba

Obama a Cuba, il viaggio del disgelo è già nella storia: "Bienvenido"

E' il primo presidente Usa a visitare l'isola dopo la rivoluzione dei "barbudos" nel 1959. Oggi, dopo mezzo secolo di tensioni, è in programma un meeting storico con Raul Castro

La "storica" visita del presidente americano Barack Obama a Cuba, come l'ha definita lui stesso, è iniziata sotto una pioggia tropicale e con un massiccio dispiegamento di forze di polizia. Obama, il primo presidente Usa a visitare l'isola dopo la rivoluzione del 1959, dopo aver incontrato lo staff dell'ambasciata americana a l'Avana da poco riaperta, ha visitato il centro della città vecchia, ma la pioggia battente ha rovinato la parte del tour dedicata all'incontro con i cubani. Oggi uno dei momenti più attesi, dopo 50 anni di tensioni, l'incontro con il presidente cubano Raul Castro con cui discuterà di commercio e riforme politiche.

La famiglia presidenziale americana è scesa raggiante dall'Air Force One. Ad attenderli il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez. Appena sceso dall'aereo presidenziale il numero uno della Casa Bianca ha dedicato un tweet ai cubani: "Que bola Cuba?" ("Come va Cuba?"), ha scritto sul suo account usando un'espresione tipica. E ha aggiunto: "Sono appena atterrato, in attesa di incontrare e ascoltare direttamente i cubani".

Due ore dopo l'atterraggio Obama ha incontrato lo staff diplomatico e ha dichiarato "E' meraviglioso essere qui". Il presidente americano ha aggiunto che il viaggio a Cuba è "una opportunità storica di impegnarsi con il popolo cubano" e per dare "una visione per un futuro più luminoso del nostro passato". Obama ha poi aggiunto: "Il presidente Coolidge arrivò su una nave da guerra - ha dichiarato ricordando l'ultimo capo di stato Usa a toccare il suolo cubano - Gli ci vollero tre giorni. Io ho impiegato soltanto tre ore".

Successivamente la first family ha visitato il centro storico dell'Avana, la cattedrale, ma la parte del tour che prevedeva l'incontro con la gente comune è stata rovinata dal maltempo e in parte dalla massiccia presenza di polizia. Prima dell'arrivo del presidente americano nell'Isola si erano svolte proteste di piazza per chiedere la liberazione di alcuni prigionieri politici. La polizia ha arrestato decine di persone di un gruppo dissidente fuori legge, "Donne in bianco", che riunisce le mogli di ex prigionieri politici. Per i cubani, la gente comune, quindi, è stato difficile avvicinarsi al presidente Obama.

Nel corso del primo giorno di visita, il primo importante incontro di Obama è stato quello con l'arcivescovo dell'Avana, Jaime Ortega che ha mediato i colloqui tra Stati Uniti e Cuba per il disgelo.

Per oggi in programma, oltre al meeting storico con Raul Castro, in cui si parlerà anche di diritti umani (anche se da L'Avana il topic è stato smentito), Obama parlerà alla tv di stato e parteciperà a un incontro di baseball.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Obama a Cuba, il viaggio del disgelo è già nella storia: "Bienvenido"

Today è in caricamento