Sabato, 5 Dicembre 2020
Stati Uniti d'America

Stati Uniti, stop per 90 giorni al programma di accoglienza dei rifugiati

La Corte suprema statunitense esaminerà il "travel ban" di Donald Trump ma nel frattempo il Governo otrà negare l'ingresso nel Paese di persone che non hanno familiari sul territorio Usa o che non abbiano già trattato un entrata a fini lavorativi

La Corte suprema degli Stati Uniti ha annunciato che esaminerà il travel ban di Donald Trump, per decidere se – come stabilito da due diversi tribunali di Appello – è incostituzionale. I nove giudici prenderanno in considerazione il secondo ordine esecutivo del presidente Usa, quello che limita gli ingressi dei cittadini da sei paesi a maggioranza musulmana per 90 giorni (Iran, Somalia, Sudan, Yemen, Siria e Libia) e sempre per 90 giorni ferma il programma di accoglienza dei rifugiati.

Inoltre i giudici supremi hanno parzialmente ripristinato l’applicazione del bando, un vittoria per il presidente repubblicano che ha lo invocato per motivi di sicurezza nazionale, contro le critiche secondo cui rappresenta una discriminazione verso i musulmani, in violazione della costituzione Usa.

Il governo Trump potrà negare l'ingresso nel Paese di persone che non hanno familiari sul territorio Usa o che non abbiano già trattato un entrata a fini lavorativi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stati Uniti, stop per 90 giorni al programma di accoglienza dei rifugiati

Today è in caricamento