rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Mondo Yemen

Yemen, bombe sull'ospedale di Medici Senza Frontiere: 11 morti

Nuova strage in una struttura gestita dall'organizzazione umanitaria, la quarta in meno di un anno. Sabato scorso sempre in Yemen una scuola era stata colpita da aerei sauditi causando la morte di 10 bambini. Lo scorso 10 gennaio, invece, un altro ospedale di Msf era centrato da colpi di cannone nella provincia di Saada causando 4 morti

La coalizione araba a guida saudita che combatte i ribelli dell'opposta fazione islamica, gli sciiti Huthi nello Yemen ha annunciato l'apertura di una inchiesta "indipendente" sul raid aereo che ha colpito un ospedale di Medici Senza Frontiere causando 11 morti e 19 feriti ad Abs nella provincia nord-orientale di Hajja, a 130 km dalla capitale Sanaa. 

L'esplosione ha "parzialmente distrutto" l'ospedale che si trova nella provincia sotto controllo dei ribelli Houthi. Sia gli Stati Uniti che Amnesty International hanno condannato l'attacco. Fra le vittime vi è anche un membro dello staff di Msf. L'organizzazione dal suo quartier generale di Parigi ha denunciato come questo di oggi sia "il quarto attacco contro una nostra struttura in meno di 12 mesi".

"Ancora una volta un ospedale del tutto operativo, pieno di pazienti e di membri di Msf è stato bombardato in una guerra che non mostra alcun rispetto per le strutture mediche e per i malati", ha detto Teresa Sancristoval, dell'unità di Emergenza di Msf. Le coordinate gps dell'ospedale "sono state ripetutamente comunicate a tutte le parti in conflitto, inclusa la coalizione a guida saudita, e la posizione della struttura è assolutamente nota". Secondo Msf i raid della coalizione araba hanno colpito sabato anche una scuola nella provincia settentrionale di Saada, uccidendo almeno 10 bambini.

Yemen, bombardato ospedale di Msf

yemen msf-3

IL VIDEO DEL BOMBARDAMENTO

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Yemen, bombe sull'ospedale di Medici Senza Frontiere: 11 morti

Today è in caricamento